Login

Chi e' online

Abbiamo 174 visitatori e nessun utente online

Blog

  • Dei problemi dei popoli devono occuparsene esclusivamente gli stati. 

    Non ho niente contro Medici senza frontiere. Ma non ho niente neanche a favore. Sono una multinazionale privata e a me non piacciono le multinazionali (sono contro la buy viagra tablet globalizzazione) e non mi piacciono le grandi imprese private (sono un socialista). Per motivi analoghi da giovane guardavo con sospetto alla Caritas e where to buy cheap diovan online all'Opus Dei, per non parlare dell'Esercito della salvezza; e non ho cambiato idea. Resto convinto che dei problemi dei popoli debbano occuparsi esclusivamente gli Stati e che la carità, se non in momenti di assoluta emergenza, sia solo un espediente per prevenire rivolte o lotte sociali che porterebbero a più profonde riforme e che potrebbero porre un freno all'oscena ineguaglianza economica e al culto del successo e dei consumi che stanno strangolando il pianeta.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • I cittadini non vogliono l'immigrazione

    Chissà come mai alla sinistra italiana, ormai in caduta libera e prossima all'irrilevanza, non viene mai il sospetto che la ragione per cui tutti i partiti di massa stanno cercando, proprio tutti, di fermare, almeno a parole, l'immigrazione illegale e incontrollata, non dipenda dalla loro malvagità o, peggio, fascistizzazione bensì dal semplice fatto che tanti cittadini non la vogliono. Che la gente ordinaria, a ragione o a torto, è spaventata dall'irruzione di centinaia di migliaia di miserabili che neppure hanno la possibilità, la capacità o l'intenzione di integrarsi; e soprattutto non accetta l'idea che possa continuare indefinitamente. Anche Trump, per provare a risollevarsi dopo le recenti sconfitte provocate dalla sua stupidità, sta giocando la carta del blocco dell'immigrazione: e stiamo parlando dell'immigrazione legale in un paese molto meno popolato del nostro e thetimejumpers.com con un'economia decisamente più forte. Populismo? Certo, ma dietro ogni populismo c'è un popolo e se la destra può limitarsi a manipolarlo la sinistra deve anche capirlo.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Ogni Epoca ha il suo fascismo: il nostro è in camicia bianca

    Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e cheapest tramadol available online 80 off pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Senza lucidità, razionalità, rigore non c'é sinistra

    Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di crescere e svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e milleniummanor.com che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Una minoranza al governo

    Due interventi sulla futura legge elettorale per dimostrare che il Pd è più liberista di Berlusconi.
    Berlusconi: "Il nuovo sistema deve portare a una maggioranza che rappresenti effettivamente la maggioranza degli elettori mentre il sistema maggioritario come è stato concepito porta alla possibilità che una minoranza possa governare contro la maggioranza degli elettori. Il che mi sembra non sia democrazia". Dunque per Berlusconi la democrazia è il governo della maggioranza (il Fatto Quotidiano definisce questo "il suo chiodo fisso", non sapendo di fargli un complimento).
    Risponde Richetti (ex Margherita, renziano della prima ora): "L'importante è che l'impostazione conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da 'proporzionale' e restituzione di un risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini". Per Richetti e Renzi la democrazia è meno importante della governabilità e in nome dell'efficienza e del decisionismo una minoranza incapace di ottenere un ampio consenso deve lo stesso ottenere il controllo assoluto del paese.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Le cause del degrado in via d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e già privati di assistenza sociale e new viagra di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e buy cialis professional tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase
Domenica, 19 Novembre 2017 21:02

Sangue sporco

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Domani al Tribunale di Napoli si celebra il processo sul sangue infetto. Il sangue cioè raccolto a pagamento in paesi ad alto rischio per le trasfusioni. I primi casi di AIDS furono diagnosticati nel 1979 ad Haiti e nel 1980 in Europa, scrive Elio Veltri nel capitolo "Sangue Sporco" del suo ultimo libro "Non è un Paese per onesti". Sin dal 1978 la Società internazionale della Trasfusione aveva raccomandato che il sangue fosse raccolto da donatori volontari e senza pagamento. Nel 1983 il Comitato di Ministri del Consiglio d'Europa raccomandava di << evitare l'importazione di plasma, sangue e fattori coagulanti da paesi con popolazioni ad altro rischio e donatori pagati...>>. Negli Stati Uniti analogo allarme fu lanciato nel 1982 dal CDC (Center Disease Control di Atlanta ma la FDA (Agenzia Federale per il Controllo delle Malattie) non raccolse l'invito del CDC e accusò lo stesso CDC di avere organizzato una montatura perché a loro parere non esisteva alcuna possibilità di diffusione del virus attraverso il sangue e il plasma. Nello stesso anno in cui cioè erano stati accertati già tre casi di infezione da AIDS attraverso il Plasma a tre emofiliaci.

Ultima modifica il Domenica, 19 Novembre 2017 21:05
Martedì, 14 Novembre 2017 08:27

MIBACT, un ministero paralizzato e click here imbavagliato. Appello Emergenza Cultura

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dario Franceschini è un ministro che ama molto gli annunci. Anche se la materia prima degli annunci non è molto consistente. Di recente ha convocato una Conferenza sul paesaggio anche se i piani paesaggistici co-pianificati, prima sotto Renzi e poi sotto Gentiloni, si riducono alla miseria di 3 appena su 20 e la Giunta di centrosinistra della Sardegna sta cercando di smantellare gli eccellenti piani salvacoste della Giunta Soru (pure di centrosinistra) coordinati da Edoardo Salzano nel 2004, attaccando pure frontalmente l'ottimo soprintendente sardo che si oppone a quel disastro. Sul legge detta "sfasciaparchi" in discussione al Senato e che indebolisce palesemente i Parchi Nazionali non ha trovato mai il modo di emettere un accenno di critica e di difesa della valida legge-quadro Cederna-Ceruti del 1991 con la quale sono stati creati ben 19 Parchi Nazionali oggi semiabbandonati a se stessi quando non frammentati.

Venerdì, 13 Ottobre 2017 08:50

Ancora dissertazioni sulla Sinistra

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

ANCORA DISSERTAZIONI SULLA SINISTRA di Franco Astengo
Dopo decenni di testa nascosta sotto la sabbia e di subalternità alla logica di governo liberista la crisi della socialdemocrazia europea è ufficialmente aperta e fa scorrere fiumi d'inchiostro, pioggia di dichiarazioni sui social e scorrere infinito di immagini televisive.
Per prenderne atto compiutamente (dopo gli scricchiolii già ascoltati in altri grandi paesi europei) c'è voluto l'arretramento (nemmeno eccessivo, in verità, stante le condizioni date) dell'SPD in Germania.
A babbo morto (e sepolto) i soliti noti si sono accorti improvvisamente dei danni provocati dal "blairismo" e, Massimo D'Alema al comando, sembrano essersi dimenticati dell'Ulivo Mondiale e di tutto il ciarpame al seguito, con relativa convinta partecipazione al processo di arretramento storico nel quale ci troviamo immersi da decenni.
Si riscopre l'opposizione: scrive Adam Michnik, ex storico oppositore del "socialismo reale" in Polonia: " Prendiamo l'esempio tedesco. Se un partito socialdemocratico in caduta di consensi va all'opposizione anziché cercare ancora intese con i conservatori, moderati, centristi, questo significa a medio e buy real levitra online without prescription lungo termine che per gli elettori europei l'alternativa a un governo conservatore moderato non avrà soltanto il volto dei nuovi populisti".

Ultima modifica il Lunedì, 30 Ottobre 2017 18:17
Vota questo articolo
(0 Voti)

Messina, finiti i lavori per la maxibaraccopoli per migranti
di Antonio Mazzeo
Decine e decine di gabbie per topi o, forse, meglio, per cavie di quello che è il nuovo, ennesimo laboratorio sperimentale delle pratiche europee di repressione e annullamento di corpi, volti, speranze. A Messina, presso l'ex Caserma "Gasparro" di Bisconte si sono conclusi i lavori di realizzazione della maxi-baraccapoli per migranti: soffocanti container e prefabbricati posizionati uno sull'altro, modello favelas, nessuna finestra aperta verso l'esterno affinché non si possa comunicare noia o disperazione aldilà del lager. L'ennesima vergogna dell'accoglienza negata, una ferita nella coscienza di una città che da quasi un lustro sembra non voler accorgersi della trasformazione e militarizzazione urbana in funzione anti-migranti.
Avevamo annunciato l'intenzione del governo di realizzare un hub-hotspot a Messina più di due anni fa, chiedendo inutilmente che si mobilitassero soggetti, identità, coscienze. Prefettura e amministrazione comunale hanno fatto a gara, spalleggiandosi, nella costruzione di false smentite, mentre funzionari e assessori fornivano la loro piena collaborazione alla progettazione del campo di prigionia in zinco-alluminio. Il silenzio complice, la banalità del male della stra-maggioranza delle forze politiche, sociali, sindacali e canadian pharmacy levitra delle associazioni locali. La mala- accoglienza a Messina e provincia è un affare da milioni di euro per i soliti noti, businessmen della ristorazione o piccoli (ex) imprenditori turistici a rischio fallimento. Un modello di riproduzione di sfruttamento e precarietà di giovani e non, istruiti e disoccupati, ottime clientele per ogni tornata elettorale.

Ultima modifica il Venerdì, 13 Ottobre 2017 08:55
Giovedì, 05 Ottobre 2017 17:02

Giù la testa pendolari!

di
Vota questo articolo
(1 Vota)

GIU' LA TESTA ... PENDOLARI! ovvero ... FATE L'INCHINO GIAPPONESE SALENDO IN TRENO!
Lo scorso gennaio a Pistoia Hitachi Rail Italia ed il gruppo Ferrovie dello Stato Italiane (sic!) hanno presentato in gran pompa il "mock-up" del nuovo treno a due piani per il trasporto Regionale e Metropolitano, costruito dalla società del colosso giapponese che qualche tempo fa ha acquisito da Leonardo-Finmeccanica la celeberrima Ansaldo-Breda; il costruttore di treni famoso in tutta Europa per il successo dei treni Alta Velocità V250 "Albatros", ritirati dal servizio tra Amsterdam e Bruxelles nel gennaio 2013 dopo ben 6 settimane di utilizzo (https://www.leoniblog.it/2013/07/31/diciannove-treni-av-seminuovi-vendensi-fabbrica-compresa/).
Dal sito del Gruppo HITACHI Rail Italy ( http://italy.hitachirail.com/trenitalia-e-hitachi-rail-italy-presentano-rock_558.html) si ricava che il contratto quadro tra Trenitalia e cialis soft tablets Hitachi prevede la costruzione di fino a 300 treni, per un totale di 2,6 miliardi di Euro.

Vota questo articolo
(1 Vota)

In Finlandia a Turku, tre terroristi, al grido di Allah Akbar, hanno accoltellato diverse persone. due morti otto feriti, un arresto. Questo vile atto si aggiunge all'attento di Barcellona.
Ora è chiaro che non possiamo essere trascinati in una guerra di religione che esiste solo nella mente malata di chi commette simili crimini. Non credo che chi uccide possa essere considerato un religioso; a qualsiasi religione appartenga. Io sono per la pace fra i popoli. Faremmo il gioco di questi mostri se noi scendessimo sul loro campo di battaglia. Detto questo però non possiamo essere inermi e attendere il prossimo attentato come se facessimo parte di un martirio collettivo ad opera di una furia in un macello continuo. Bisogna reagire. Il popolo ha paura, tutti abbiamo paura che possa accadere di nuovo. E' Il sentimento che pervade oggi ed attraversa tutte le società occidentali. Gli estremisti di destra cavalcano questa paura e aggiungono xenofobia complicando e non risolvendo il problema. La politica, lo Stato, l'Europa e gli uomini di stato o chi si propone al governo del paese, deve responsabilmente trovare le risposte a questo tremendo problema. Le risposte non possono essere i muri, le armi, i respingimenti ed altre fandonie di questo tipo. L'Italia è stata già vittima del terrorismo rosso e nero. Abbiamo subito e siamo stati in grado di sconfiggere quel terrorismo. Questo è stato possibile grazie a nuove leggi che sono state votate da gran parte del parlamento. Quel terrorismo non è certamente questo di oggi. Per alcuni aspetti anni luce li separano, e scusate l'eufemismo non per il tempo trascorso. Occorre provvedere ad aggiornare la legge.
La legge sull'antiterrorismo di Alfano (DL 7 /2015 approvato con mod. dalla legge n.43/2015) non basta. Non è sufficiente a far fronte alla furia che arriva dal medio oriente e http://www.icce.org/cialis-angioplasty dall'intero degli stessi paesi occidentali.

Ultima modifica il Venerdì, 18 Agosto 2017 21:27
Giovedì, 17 Agosto 2017 11:19

L'indipendenza dell'India

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Oggi si compiono settant'anni dalla proclamazione dell'indipendenza dell'India ed eguale distanza di tempo ci separa dalla proclamazione dello stato di Israele, mentre in questo 2017 si celebrano anche i 55 anni dall'indipendenza dell'Algeria.
Occorre ricordare prima di tutto che a quegli avvenimenti tutto il mondo progressista europeo guardava con ansia e ammirazione considerandoli come punto – simbolo, di vera e propria "rottura", di un processo di liberazione dei popoli che si pensava sarebbe potuto essere considerato come la vera e propria "chiave di volta" per una profonda trasformazione degli equilibri politici e sociali dell'intero pianeta.
Erano tempi di grande fermento all'Est come all'Ovest nel mondo diviso in blocchi.
La gran parte di quelle attese furono deluse ma ancor oggi vale la pena di ricordare quella fase storica: ed è quello che si cercherà di fare attraverso questo abbozzo molto parziale di ricostruzione storica.
Il tema della colonizzazione e della decolonizzazione investe tanti aspetti della vita mondiale che affrontarlo, specialmente in tempi nei quali quella che è stata definita come "globalizzazione" e che ha presentato aspetti di vero e proprio "neo colonialismo" (con relativo aspetto bellico), espone ai rischi di un'eccessiva semplificazione.

Domenica, 13 Agosto 2017 14:39

L'appalto CONSIP fu truccato

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

La notizia oggi è una. E che notizia! Il Corriere schiera i suoi due cronisti di punta, Giovanni Bianconi e Fiorenza Sarzanini. Il titolo recita "Consip, l'appalto fu truccato". La fonte è, con tutta evidenza, Cantone, capo dell'anticorruzione. Tre gruppi, quello di Romeo, da tempo agli arresti domiciliari, insieme con due maxi cooperative, si sarebbero messe d'accordo per spartirsi due miliardi e is a generic pill for levitra settecento milioni (2.700.000.000) dell'appalto Consip, tagliando fuori i concorrenti.
Dunque Henri John Woodkock non è uno che si inventa le inchieste. Al contrario, ha avuto ragione a indagare su Alfredo Romeo e, una volta assodato che almeno una tangente era stata pagata a un funzionario Consip, ad arrestarlo. Inoltre la prova logica induce a pensare che la fuga di notizie non fosse da attribuire alla "voglia di visibilità" di un inquirente, ma piuttosto a una qualche "manina" interessata a buttare l'inchiesta in caciara.

Domenica, 13 Agosto 2017 10:25

Povertà: la dittatura degli USA

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il numero 5/2017 di Micromega dedicato a "Europa / USA : democrazia a rischio" ospita un importante saggio di Elisabetta Grande dedicato all'analisi della povertà negli Stati Uniti e pubblicato sotto il titolo : " Togliere ai poveri per dare ai ricchi: la lezione americana da rifiutare". Se può essere consentito un commento rivolto al titolo (redazionale?) si può affermare che non rispecchia, almeno nella seconda parte, il testo: altro che "da rifiutare". La lezione americana deve essere completamente ribaltata almeno stando alle valutazioni di chi scrive e di chi legge. Il passaggio più importante di questo testo (il vero punto d'indicazione politica) è contenuto infatti all'inizio, in un passaggio che è proprio il caso di riportare per intero: "..Innanzitutto com'è possibile che una povertà così pervasiva e lacerante caratterizzi il paese più ricco del mondo, in cui la disoccupazione è, inoltre, in notevole discesa dal 2011 e oggi al di sotto del 5 per cento? Chi porta il peso di tale contraddizione? In secondo luogo per quale ragione l'imbarazzante arredo urbano di quei scintillanti paradisi dei consumi che sono le città americane, costituito da senzatetto buttati in ogni dove con il loro seguito di carrelli della spesa ricolmi di miseri averi, non produce un'immediata ribellione della gente?

Ultima modifica il Domenica, 13 Agosto 2017 10:29
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Divisione investigativa antimafia ha ricevuto 903 segnalazioni sulla presenza della ndrangheta (a Trento e nella sua provincia). A denunciare quello che sta succedendo è stato Marco Galvagno, segretario comunale di Lona Lases, un comune in mezzo alle valli del Trentino. Poi, pochi mesi fa, è arrivata un'interpellanza parlamentare e la commissione parlamentare ha tenuto tre incontri nella città. Trento è una città nota in Italia per la qualità della vita. E, a sentire il segretario comunale denunciante, la mafia calabrese è sbarcata dietro al business delle cave di pietra. Sono arrivati nomi pesanti come la famiglia Grande Aracri, ritenuta dagli investigatori come snodo del radicamento delle mafie calabresi al Nord. Tutto comincia dal 2014 quanto viene sequestrato in Spagna un carico di porfido e cocaina. Tra le società e gli imprenditori noti per la loro attività in Trentino. Galvagni scopre che le imprese specializzate nelle cave - spesso controllate da immigrati calabresi - da queste parti sono molto potenti. I soci magari siedono anche nei Comuni, nelle istituzioni e buy cheapest cialis nelle società che ricevono le concessioni. "E tutto in queste valli ruota intorno alle cave" spiega Galvagni. Nel suo rapporto trasmesso anche ai magistrati trentini, si punta il dito su diverse società. Una, in particolare, la Marmirolo Porfidi è già finita agli onori delle cronache.

Ultima modifica il Sabato, 12 Agosto 2017 23:06
Pagina 1 di 41