Articoli

Articoli (18)

Giovedì, 23 Gennaio 2020 11:52

Tutela della Maternità sempre

Scritto da

Un gesto emblematico di una carenza legislativa a tutela delle donne e soprattutto delle donne in maternità. Il problema è serio. La notizia di un imprenditore di Bietntina (PI) che trasforma il contratto da tempo determinato a tempo indeterminato per una lavoratrice in maternità è una buona notizia che fa onore al datore di lavoro che ha tutelato un diritto della lavoratrice in maternità che lo Stato non tutela. La legge tutela la maternità. Il DLGS 151/2001 cosiddetto Testo Unico sulla Maternità, stabilisce che è nullo il licenziamento nei confronti della Lavoratrice madre nel periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Divieto di licenziamento anche della Lavoratrice o lavoratore a causa della domanda o del godimento del congedo parentale o per malattia del bambino. Ed infine divieto di licenziamento del lavoratore padre sino al compimento di un anno di età del figlio nel caso in cui abbia usufruito del congedo di maternità in luogo della madre.

Domenica, 12 Gennaio 2020 01:59

LE "SARDINE" ABBRACCIANO MIMMO LUCANO

Scritto da

Grande è il significato simbolico, che la marcia delle"sardine" in Calabria ha espresso, dandosi appuntamento a Riace, per esaltare i valori dell'accoglienza e solidarietà; dell'amore per gli ultimi, che Mimmo Lucano ha praticato per anni, guadagnandosi la stima e l'apprezzamento di quanti si battono per gli stessi valori, in Italia e nel mondo. I diritti umani vengono prima di norme e "cavilli giuridici", con cui spesso e di fatto essi vengono negati. È per questo che Mimmo Lucano deve difendersi dai cultori del "summum ius, summa iniuria"! Ma è anche per questo che le "sardine" calabresi, portatrici di una rivoluzione gentile, che mobilita dal basso forze nuove, estranee a calcoli egoistici di parte, sono corse ad incontrarlo e ad abbracciarlo a Riace. La Coordinatrice delle "sardine", Jasmine Cristallo

Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale di Cosenza e provincia rivolge un appello ai candidati presidente per le elezioni regionali della Calabria, 2020. Daremo notizia dei candidati anche candidati consiglieri che avranno aderito all'appello.

 

 

 

 

Egregio Presidente Mattarella, non avremo voluto disturbarla visti i suoi infiniti impegni quotidiani, ma siamo costretti a rivolgerci a LEI in quanto garante della COSTITUZIONE. Il 28 Novembre 2019 a CIVITANOVA MARCHE, alla presenza delle classi quinte del liceo L.DA VINCI, abbiamo assistito ad una provocazione ben studiata da parte del professore MATTEO SIMONETTI verso i rappresentanti dell ANPI, verso GLI ALUNNI e verso il pubblico composto anche da qualche docente . Lo storico ANDREA MARTINI invitato dall ANPI con l patrocinio del preside ha presentato il suo libro documentale dal titolo “DOPO MUSSOLINI” DOTATO DI BEN 35 PAGINE DI BIBLIOGRAFIA RAGIONATA.

Domenica, 01 Dicembre 2019 22:01

Né di destra né di sinistra

Scritto da

Sono stato sempre convinto che chi sostiene di non essere né di destra né di sinistra alla fine è di destra o riesce ad avvantaggiare la destra o personaggi senza scrupoli disposti ad allearsi indifferentemente con la destra o con la sinistra. Quando si lanciano messaggi del tipo non sono né di destra né di sinistra si lancia un messaggio verso coloro che non hanno un’identità politica ben definita. Non hanno ideali e se eletti in Parlamento passano da un partito all’altro anche di schieramenti opposti pur di essere protagonisti a titolo personale. È successo con l’IDV nel 2001 che espressamente si dichiarava fuori dagli schieramenti tradizionali della desta e della sinistra eleggendo un solo senatore che dopo due anni passò con Forza Italia di Berlusconi nemico politico dichiarato da leader di IDV. Quel partito è scomparso dalla circolazione.

Domenica, 24 Novembre 2019 10:59

Il bambino e l'acqua sporca

Scritto da

Trent'anni fa cadeva il muro di Berlino. Era stato eretto per marcare i confini fra il blocco di Stati formatosi attorno all'URSS, dopo la seconda guerra mondiale, e i cosiddetti "paesi liberi" del blocco formatosi attorno agli USA, alla fine di quell'immane conflitto. L'evento diede la stura ad una serie di valutazioni sul "crollo del comunismo", il fallimento del "socialismo reale" etc..Valutazioni e sentenze, che davano tutte per scontato il fatto che nella Russia di Stalin si fosse proceduto sul serio alla costruzione di una società socialista, con proiezione concreta e fondata storicamente verso il comunismo. Poichè tutto questo non aveva riscontro nella realtà, ergo era giusto parlare di fallimento. Ma qualcuno ha mai analizzato, al di là di una visione propagandistica, ciò che realmente è accaduto nella Russia di Stalin? Si è mai chiesto perchè Marx, in nessun luogo, abbia mai parlato della possibilità di costruire il socialismo in una realtà socio-economica, in cui vigeva ancora la servitù della gleba e un pezzo di terra poteva essere comprato e venduto con tutte le persone, che vi stavano dentro? (le cosiddette "anime morte"!) Quale socialismo si poteva mai costruire in una realtà cosiffatta? Il condizionamento storico all'agire dell'uomo è un punto irrinunciabile del pensiero di Marx.

Domenica, 24 Novembre 2019 10:38

BONONIA DOCET! Le "Sardine" di Piazza Grande.

Scritto da

Tre eventi da Bologna ci inducono a qualche riflessione. Primo evento : protagonista Achille Occhetto, ultimo Segretario del PCI, autore della "Svolta della Bolognina", quando fu sciolto il Partito Comunista più forte dell'Occidente (grazie compagno Macaluso per averlo ricordato!). Era lo strumento di difesa dei lavoratori italiani, sostituito, dopo, da una specie di "carovana" (la definizione è di Occhetto), aperta alla scalata di avventurieri della politica, che ha disarmato il mondo del lavoro di fronte a un capitalismo rapace, aggressivo, da cui affiorano oggi gli spiriti animali di una destra eversiva, che non sarà facile fronteggiare. Occhetto ha rivendicato la bontà di quella "svolta", senza rendersi conto dei danni enormi, che ha causato e insistendo anzi nel volerla "completare" con un percorso ulteriore, che assomiglia tanto alla "terza via" fallimentare dei Blair e dei Clinton. "Errare humanum, perseverare diabolicum!".

Nel giorno dell’approvazione al Senato della proposta della senatrice Liliana Segre di costituire la Commissione parlamentare contro l’odio razziale, la destra italiana in parlamento si astiene. Liliana Segre miracolosamente sopravvissuta ad Auschwitz, è incredula dichiara: “E’ incomprensibile chi ha votato contro la commissione sull’odio e poi mi ha applaudito”. La proposta meritava di essere votata anche da parte della destra che ha perso un’occasione unica per dimostrare di essere una destra liberale. Invece c’è un ritorno mostruoso al passato al nazifascismo. Come potrebbe essere altrimenti interpretato il silenzio, l’astensione, da parte del centrodestra. La Carfagna si dissocia è parla di tradimento dei valori fondanti di forza Italia che va a rimorchio e perde la propria identità.

Sabato, 26 Ottobre 2019 00:13

Non biasimatela ha pagato con la vita

Scritto da

"Sono veramente molto, molto dispiaciuta, mamma e papà, il mio viaggio verso una terra straniera è fallito. Sto morendo. Non riesco a respirare. Vi amo tanto. Mi dispiace, mamma". Sono le ultime parole di Pam Thi Tra My, 26 anni, vietnamita. I suoi familiari hanno ricevuto il suo straziante messaggio d’addio due ore prima che il container arrivasse al terminal di Purfleet, in Inghilterra. Si, è vero, secondo il fratello aveva pagato 30mila sterline ai trafficanti. E' una colpa? Altrettanto vero è che era una giovane donna che sognava una vita migliore, un futuro libero. In un paese libero, democratico, che le desse una chance, libera delle oppressioni del regime comunista vietnamita.

Bacheca

Calendario Eventi

Gennaio 2020
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Associazione Democrazia e Legalità

  Via dei Coronari, 61 - Roma

  06 6290138

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Democrazia e Legalità
Periodico on-line
Tribunale di Firenze n. 5375

NEWSLETTER