Sabato, 06 Febbraio 2021 19:11

La politica balinese di Renzi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il pubblico che ha assistito alle manovre renziane è come quello delle gare sportive: giudica l’agire politico come un gioco, per vedere vincere e cadere. L’adrenalina dei media mentre ci traghettato in questa giostra (che è la crisi di governo) non è diversa da quella che agita i balinesi che assistono al combattimento dei galli.

La partigianeria per Matteo Renzi ricorda quella per i giocatori d’azzardo che tra fortuna e inganno, ammiccamenti e sotterfugi (il “giocare bene” appunto) tengono sotto scacco il rivale e il pubblico. Una lotta individuale e individualista, con regole che non consentono prigionieri. Chiamarla politica, nel paese che ha dato i natali a Machiavelli, è quasi un’onta. Plebiscitarismo da Colosseo; lotta di fazione. La rivalità che anima il senatore di Rignano è personalistica: Giuseppe Conte è stato il suo nemico. E l’obiettivo? A seguirne le mosse sembra che l’obiettivo di Renzi sia Renzi, il suo interesse in sento lato, politico perché imprenditoriale. Da leader del gruppo secessionista Italia viva e portavoce della Future Investment Initiative ha dimostrato che quel che ostacola i suoi piani non ha scampo. La discussione sul Recovery plan che ha paralizzato il paese interessava al senatore nella misura in cui portava al fallimento Conte. Dire, come ha fatto in alcune interviste che Conte non è un politico mentre lui lo è, ci conferma nell’idea che l’arena balinese sia il suo paradigma politico. Nel quale si situa anche un obiettivo antico: allargare il centro neoliberale e nanizzare quella timida sinistra rimasta nel Pd. E intanto Renzi si presenta come “costruttore” e sfida i partiti, il Pd in particolare, a non essere distruttori – lui che ha distrutto un governo mentre il Covid mieteva morti. L’incarico esplorativo a Roberto Fico è servito a gonfiare la retorica dei programmi che “vengono al primo posto”. Ora, il nome di Draghi è bastante e Iv compra a scatola chiusa. Sostenendo Draghi, il senatore pensa di ricostruirsi una legittimità politica, di farci dimenticare la sua guerra civile. 

(Il Domani, 4 febbraio 2021)

Letto 22 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Febbraio 2021 20:53
Devi effettuare il login per inviare commenti

Bacheca

Calendario Eventi

Marzo 2021
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Associazione Democrazia e Legalità

  Via dei Coronari, 61 - Roma

  06 6290138

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Democrazia e Legalità
Periodico on-line
Tribunale di Firenze n. 5375

NEWSLETTER