Domenica, 12 Aprile 2020 00:18

E’ la mafia che va verso la finanza o è la finanza che va verso la mafia?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nei giorni scorsi, quando l’Europa ha annunciato consistenti finanziamenti ai paesi membri dell’Unione per affrontare la fase due della ripresa economica, in Germania e in Belgio alcuni hanno commentato: i soldi in Italia andranno alle mafie. A parte il fatto che nei due paesi le mafie e non solo italiane, sono presenti da tempo, gestiscono comparti economici importanti e non risulta che siano perseguite dai governi e dalle magistrature, se non quando hanno ricevuto qualche rogatoria con mandato di cattura dalla magistratura italiana, possiamo tranquillizzare i nostri partner europei che i soldi già stanziati per far ripartire l’economia e gli altri che certamente l’Europa metterà a disposizione, dovrebbero servire proprio a evitare che le mafie entrino in azione. Il ragionamento è semplice: quando istituzioni e imprenditoria non hanno soldi da spendere e da investire, le mafie con i loro prestanome si fanno avanti e investono perché hanno una enorme liquidità. Se invece le istituzioni hanno capitali da investire a scopi sociali e li investono correttamente, l’agibilità delle mafie viene impedita. Quindi, succede esattamente il contrario di quello che è stato detto. A conferma cito alcuni autori che il problema lo conoscono bene. Antonio Maria Costa, per cinque anni responsabile ONU per la criminalità organizzata, nel 2016, sulla Stampa ha scritto:” Non è la mafia a cercare la finanza ma viceversa. Le prove abbondano. Negli Usa la Wakowia Bank ha riciclato 380 miliardi di dollari del cartello messicano di Sinaloa negli anni 2006-2010. Grazie alla procedura differita offerta dal Tesoro Usa gli amministratori hanno promesso di non farlo più e non hanno pagato.

La banca è stata multata di spiccioli: 160 milioni di dollari pari al 2% del profitto annuale. Similmente, in Europa, la più grande banca londinese, Hsbc, ammette di avere riciclato miliardi di narco reddito e commesso dozzine di altri crimini, paga l’ammenda di 2 miliardi, e se la cava evitando conseguenze penali. Un giovane con qualche grammo di droga in tasca finisce in galera; banchieri che agevolano traffici a tonnellate si godono Yacht e Jet privati”. A sua volta, alcuni anni fa, il senatore democratico John Kerry in un suo libro aveva scritto:” Il vero nuovo ordine mondiale è quello criminale. In pratica le organizzazioni mafiose formano la terza potenza dopo l’America e la Russia”. E il capo della Cia James Woodley: ”Il crimine organizzato minaccia sia la sovranità delle nazioni sia la stabilità mondiale: è una questione di sicurezza oltre che di legalità”. Sono passati anni, ma a cominciare dall’Europa e dall’Italia, le cose non sono cambiate molto. Noi abbiamo le mafie più ricche e potenti d’Europa, a conciare dalla Ndrangheta, presente in oltre 20 paesi del mondo, che ha importato negli anni centinaia di tonnellate di cocaina, venduta in molti paesi. La liquidità della Ndrangheta è enorme. Sappiamo bene che l’unico strumento per combattere le mafie è la confisca dei soldi e dei beni. Ebbene, la legge Rognoni- Latorre, (Latorre assassinato subito dopo averla presentata), è stata approvata nel 1982, 38 anni fa. L’Italia è l’unico paese dotato di una legge che prevede la confisca dei beni. Ma la percentuale dei beni confiscati è irrisoria: appena il 4-5% dei beni catalogati nelle banche dati per i quali è iniziato il procedimento di sequestro. Quindi, la stragrande quantità dei beni resta nelle mani dei mafiosi e delle loro famiglie. Eppure, del problema, sui giornali e, soprattutto, in televisione non si parla mai. Nel libro Mafia Pulita scritto con Antonio Laudati, magistrato della Procura nazionale Antimafia, avevamo sottolineato che se avessimo confiscato almeno la metà dei soldi e dei beni mobili e immobili delle mafie italiane, avremmo potuto risolvere il problema del debito pubblico. Purtroppo le cose non sono cambiate. Perché al lavoro e alla competenza straordinaria di molti magistrati antimafia, che spesso hanno anche rischiato la vita, si è accompagnata la noncuranza della politica e delle istituzioni. Faccio un solo esempio: alcuni mesi fa il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, uno dei magistrati antimafia più competenti, ha arrestato 340 persone, dal Piemonte alla Calabria e ha chiesto la confisca dei beni. Di fronte a una iniziativa tanto clamorosa e senza precedenti, né la Commissione antimafia, né il Parlamento, hanno avvertito la necessità di incontrare Gratteri e i suoi collaboratori per fare il punto della situazione, soprattutto sulle confische, ma anche sulla destinazione dei beni confiscati. A proposito delle mafie voglio ricordare che oggi lo strumento utilizzato è soprattutto la corruzione perché sono diventate mafie imprenditrici e, alcune, vere e proprie multinazionali. Eppure, la legge anticorruzione che ha previsto l’istituzione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione è stata approvata con almeno venti anni di ritardo rispetto alle proposte presentate in Parlamento, e con scarsi poteri di intervento. Ricordo che da parlamentare, la mia prima proposta di legge era sulla corruzione:” Istituzione dell’Autorità nazionale anticorruzione con annessa anagrafe patrimoniale”. L’avevo scritta con il contributo di studiosi competenti e quando la presentai si scatenò il putiferio: sette parlamentari, tutti di centro destra mi accusarono di :” Volere un regime di polizia“; “Di voler creare il comitato di salute pubblica di Robespierre e Saint Just” ecc. e naturalmente non fu approvata, nonostante avessi accolto molti suggerimenti. L’immane tragedia che stiamo vivendo e che non risparmia nessuno, dovrebbe sollecitare la riflessione dei sindaci e degli amministratori regionali e locali sulla necessità di attivarsi per reinventare strumenti di partecipazione popolare che in passato hanno funzionato e hanno consentito a molte amministrazioni di realizzare politiche urbanistiche, dei servizi e sociali innovative. Parlo per esperienza personale. Quando nel 1973 sono stato eletto sindaco di Pavia, dopo un tirocinio di 7 anni in consiglio comunale, che mi aveva consentito di conoscere la macchina comunale, i problemi e i dirigenti, d’accordo con il partito socialista nel quale militavo fin da ragazzo, abbiamo deciso alcune riforme radicali: cambio delle alleanze perché con la Democrazia Cristiana sarebbe stato impossibile la realizzazione del nostro programma; realizzazione del nuovo piano regolatore per il quale tutte le giunte precedenti, anche a direzione socialista, non erano riuscite nemmeno a nominare gli urbanisti, consistente realizzazione di nuovi servizi, potenziamento della partecipazione popolare e conferimento ai comitati di quartiere di poteri reali e strumenti per gestirli. Faccio due esempi riguardanti l’urbanistica e la partecipazione. Il vecchio piano regolatore prevedeva di potere aggiungere alla città romana (cardo e decumano) che allora contava 87 mila e 500 abitanti, 200 mila stanze. Nella prima seduta del consiglio, dopo l’elezione della giunta, nominammo gli urbanisti per la revisione del Piano regolatore nelle persone di Astengo e Campos Venuti, entrambi conosciuti anche all’estero e io cancellai 185 mila stanze previste. Così le previsioni di espansione furono portate a 100 mila abitanti dai 240 mila previsti dal vecchio piano. Ancora troppi se oggi Pavia conta migliaia di stanze vuote e gli abitanti sono 70 mila. Ma non potevamo prevederlo. Il piano Astengo- Campos fu richiesto da due assemblee Onu, Vancouver e Lubiana, e un’assemblea Europea promossa dal Presidente della Repubblica Francese, Giscard D’Estaing, gollista moderato, con relazione del sindaco che allora parlava benino il francese. Su quel Piano i giornali italiani ed europei hanno scritto 100 articoli e il sindaco è stato invitato in 10 convegni internazionali. Si può ripetere l’esperienza? Penso di sì. Basta volerlo e impegnarsi.

Letto 60 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Bacheca

Calendario Eventi

Maggio 2020
L M M G V S D
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Associazione Democrazia e Legalità

  Via dei Coronari, 61 - Roma

  06 6290138

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Democrazia e Legalità
Periodico on-line
Tribunale di Firenze n. 5375

NEWSLETTER