Stampa questa pagina
Lunedì, 02 Dicembre 2019 02:34

L'America è vicina

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'America è vicina, sempre più vicina. Basta che continuiate a permettere a giornalisti pagati dalle multinazionali di esaltare senza contradditorio il libero mercato (chi si dissocia è un populista cioè un fascista e probabilmente razzista), il lavoro a cottimo (loro preferiscono parlare di sharing economy, così sembra che abbiano fatto la Bocconi), il lobbismo (un tempo lo chiamavamo corruzione) e i monopoli commerciali e finanziari (l'antitrust servì al capitalismo nazionalista, quello globalista non sa che farsene).

Tranquilli, è questione di poco: Amazon è già qui e i ritmi amerikani stanno arrivando, insieme al black friday e al Natale come mera fiera del consumismo (anzi, le holidays, Natale è politicamente scorretto). Ma le sardine non se ne accorgono, loro scendono in piazza per accelerare il processo di omogeneizzazione e globalizzazione, non per ostacolarlo, e per questo piacciono ai giornalisti di cui sopra.

Letto 1361 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti