Chi e' online

Abbiamo 128 visitatori e 2 utenti online

  • alex284917
  • alex747369

Blog

  • Le cause del degrado in via online viagra uk d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e good choice già privati di online pharmacy propecia viagra assistenza sociale e di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un cheap generic viagra india salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e viagra legal online con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Il senso profondo della vittoria referendaria

    Nelle nebbie del politicismo e delle strumentalizzazioni della crisi di uk cialis sales governo rischia, dal punto di vista dell’immagine complessiva, di smarrirsi il senso profondo della vittoria referendaria. E’ bene ricordarlo: premesso che lo strumento referendario nell’occasione è stato messo in moto dallo stesso Governo alla ricerca di una legittimazione popolare mai avuta e che le stesse riforme costituzionali erano state promosse dall’Esecutivo. Un passaggio che ha di fatto identificato la buy cheap propecia online riforma con il Governo: una vera pericolosa anomalia istituzionale. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La milano dove ha vinto il sì.

    La Milano dove ha vinto il sì.

    Milano non è solo la più grande città del Paese per ricchezza prodotta. È anche la città più sensibile d’Italia ai discorsi sulla governabilità, sull’equilibrio, sulla stabilità, in nome dei daneé da conservare, dei soldi da moltiplicare, del potere da sale cialis accrescere.

    A Milano si è affermato un banchiere che si chiamava Michele Sindona, che insegnava ai milanesi come non pagare le tasse (e, già che c’era, riciclava i soldi di Cosa nostra). A Milano è nato il craxismo, poi il bossismo, poi il berlusconismo. A Milano, proprio nel centro, collegio 1, veniva eletto il senatore Marcello Dell’Utri, ora in carcere per i suoi rapporti con la mafia.

    I suoi elettori si sono ora convertiti alla “governabilità” di Renzi e al sostegno del sì. Felici del passo avanti. Ma il Pd, invece di gioire acriticamente considerando Milano “all’avanguardia nell’innovazione politica”, forse farebbe bene a interrogarsi perché, in tutta questa modernità, ha conquistato il centro ma ha perso le periferie e i giovani.

     

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La progressiva perdita della nostra sovranità popolare.

    Cari amici, 

    immagino che in queste settimane molti di voi saranno stati bombardati da notizie e http://www.dumanajans.com/buy-generic-levitra-from-india proclami sul referendum costituzionale confermativo del prossimo 4 dicembre.

    Io mi sono ripromessa di http://www.racio.cz/herbal-viagra-wholesale rispettare sempre le scelte di ognuno, ma credo che per convincere gli indecisi siano state realizzate campagne di vera disinformazione e che le pressioni esterne  sulle nostre scelte costituzionali interne siano state indebite e sospette.

    Ricordo i referendum costituzionali che hanno preceduto quello del 4 dicembre e sinceramente devo confessare che rimpiango il SI alle modifiche del Titolo V realizzate nel 2001. E, purtroppo, non posso non pensare al silenzio e alla clandestinità che hanno accompagnato la modifica dell'articolo 81 della Costituzione, quello che ci ha portato al pareggio di bilancio obbligatorio e alla necessità di elemosinare dall'Europa quella poca flessibilità ( del resto molto male utilizzata!) che ci fa apparire degli accattoni! Quella modifica costituzionale fu approvata in poco più di sei mesi, con un percorso  iniziato il 5 ottobre 2011 e conclusosi il 17 aprile 2012. In sei mesi, quindi, e nel quasi totale silenzio dei media, si realizzò una modifica costituzionale, di rango analogo a quella che sta incendiando gli animi in tutto il Paese. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Se vince il NO

    di DA INTERNET

    Renzi ha detto che se vince il NO si torna indietro di 30 anni.
    ...Splendido!
    Nel 1986...
    - non esistevano i contratti cococo, progetto, jobact, da dipendente a partita iva, voucher, ...
    - si andava in pensione ad una età decorosa
    - c'era l'articolo 18 e le tutele per il lavoratore
    - la benzina costava £1.258 tradotto in €0,65 al litro
    - non c'erano suv tra le palle
    - c'erano tanti concorsi per i posti pubblici
    - la rai mandava in onda film in prima visione e trasmissioni senza interruzioni di pubblicità
    - non c'era il ticket nella sanità pubblica
    - a 25 anni ci si poteva permettere di metter su famiglia. 
    - i bambini giocavano per la strada.
    - Berlusconi non era in politica e viagra pfizer india Renzi era il più preso per il culo dai suoi compagni alle elementari.
    -non c'era la "buona scuola", ma la it's cool scuola era buona davvero. 
    Allora che aspettate a votare NO?!?

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tutti a parlare di buy viagra with pay pal due cose; il resto non conta nulla.

    Tutti a parlare di due cose: la bombetta di New York e il primo italiano che si è comprato un iPhone 7. 
    Ormai la gente ha solo esperienze a telecomando e sono tutte assolute, mai relative. Non conta il pericolo reale, non conta il merito, non contano le cause, le capacità, l'utilità sociale o personale, non conta neppure quello che è davvero successo. Se media e social ripetono mille volte la stessa notizia per tanti è mille volte più rilevante di una notizia, non importa quanto grave, data una volta sola. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

Comunicati stampa (21)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Giulio Levorato risiede in Colombia dove lavora.  Possiamo considerarlo il nostro corrispondente dal Sud America dato che si occupa di problematiche legate a quel continente.   A Giulio va il nostro augurio di buon lavoro. 

Vota questo articolo
(0 Voti)

In un quarto d’ora, o poco più, con decretazione d’urgenza, il governo Renzi vorrebbe cancellare un pezzo importante dello Statuto dei Lavoratori, frutto di http://www.borsamonitor.it/cialis-fedex anni di lotte e di elaborazioni dei socialisti Giacomo Brodolini e Gino Giugni, adottato come legge fondamentale sull’onda della grande stagione di riforme promossa dal primo centro-sinistra. L’attacco frontale all’articolo 18 è inaccettabile perché punta a cancellare le residue tutele che la legge prevede per il lavoro dipendente, aprendo la strada ai licenziamenti indiscriminati”. Lo afferma Elio Veltri, coordinatore della Costituente per il Socialismo in Italia e buy viagra in new york in Europa. “Sentiamo parlare ogni giorno di riforme di struttura – continua Veltri – e l’espressione ci ricorda personalità del calibro di Riccardo Lombardi, di cui in questi giorni ricorre il 30esimo anniversario della scomparsa, Antonio Giolitti, Giorgio Ruffolo, che conoscevano a fondo il significato di quelle parole e immaginavano un avanzamento sul terreno dei diritti e delle garanzie individuali e collettivi”.

Giovedì, 22 Maggio 2014 17:39

Il tribunale di get cialis in canada Barcellona P.G. accoglie la richiesta di costituzione di parte civile dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto ha accolto la richiesta di costituzione di parte civile dell’Associazione Antimafie “Rita Atria” nel processo sul parco commerciale. Questa è la prova che si può fare antimafia sociale.  Che attraverso questa pratica quotidiana,  quasi umile, vista la www.strattonpublishing.com sua distanza dai riflettori mediatici,ma fondamentale per la sua concretezza, si possono bloccare le speculazioni scellerate ai danni del territorio, vincendo contro il malaffare. E’ stato proprio attraverso le nostre denunce e le inchieste che abbiamo fatto, in sinergia con le iniziative dell’Associazione Rita Atria, che questo progetto è stato bloccato. A questo punto, chiediamo la cancellazione del progetto del parco commerciale, con il conseguente sequestro dei terreni in cui dovrebbe sorgere e il loro utilizzo a scopi sociali, per la libera fruizione di tutta la popolazione. In questo giorno di gioia per l’ennesima vittoria che ci dimostra come “la lotta paga”, contro chi vuole costantemente far credere il contrario, siamo costretti a lamentare, però, che  io stesso e gli editori delle testate che hanno pubblicato le mie inchieste sul parco commerciale, siamo tutt’oggi coinvolti in un procedimento civile, in cui gli autori di questa idea vergognosa, chiedono 2 milioni di express viagra delivery euro a  chi ha fatto luce sugli interessi e uk propecia il conseguente danno alla cosa pubblica insiti in un simile progetto...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Comunicato Stampa

Aprire corridoi umanitari nel Mediterraneo e abolire la direttiva Dublino – accenno al “caso Nigeria”

Ancora una volta i media riportano la cronaca, freddamente numerica, dell’ennesima strage avvenuta nel Mediterraneo. Ancora una volta i rappresentanti delle istituzioni mettono in scena il solito spettacolo dello “schok” e del “dolore”, sorvolando sulle proprie responsabilità. Lacrime di coccodrillo sono state versate anche dopo la strage del 3 Ottobre a Lampedusa, ma la risposta a quei morti non è stata l’apertura di corridoi umanitari, ma l’ulteriore militarizzazione del Mediterraneo, tramite l’operazione Mare Nostrum, che prima ancora di essere un’operazione di soccorso – è bene ricordarlo – punta al controllo delle rotte e delle frontiere.

Venerdì, 02 Maggio 2014 18:01

Sbarco del 1 Maggio a Messina

di
Vota questo articolo
(0 Voti)
“Lo sbarco di decine e decine di bambini e centinaia di donne e uomini avvenuto ieri sera a Messina, come quelli analoghi che si susseguono ormai costantemente su tutte le coste della Sicilia, rappresenta l’ennesimo fallimento delle politiche del governo di contrasto alle migrazioni. Sento il bisogno di ribadire con forza il diritto di circolazione per tutti e tutte. L’Europa deve aprire corridoi umanitari e abrogare la direttiva Dublino III, affinché chi sbarca sulle nostre coste possa essere libero di scrivere il proprio personale destino e costruire una nuova vita dove ritiene più opportuno.
Vota questo articolo
(0 Voti)

INTIMIDAZIONI E MINACCE TRA CEMENTO E 'NDRANGHETA

VENERDI' 11 GENNAIO
ORE 21
SALA S.MARTINO DI TOURS
C.SO GARIBALDI 69
PAVIA
 
vi ricordiamo l'importante appuntamento di venerdì: ci vediamo con altre realtà della città per concordare azioni per informare i pavesi, sensibilizzare la cheap viagra no prescription politica istituzionale, proporre azioni concrete per ridare prospettive migliori a Pavia. Importante è essere numerosi per dire la propria oppure ascoltare e buy propecia 5mg poi diffondere tra amici, colleghi, vicini ecc.. ciò che succede. Non lasciamo soli chi in prima persona sta subendo una violenza vergognosa: SOLIDARIETA' ATTIVA a franco e fabrizia maurici, valter veltri, giovanni giovannetti, ai loro famigliari, loro non si sono fermati!
Sabato, 22 Dicembre 2012 15:32

Sei fermi nel cosentino. Volevano fare un cialis onlines attentato ai Carabinieri

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sei fermi nel Cosentino in un'operazione dei Carabinieri a carico di sei presunti affiliati ad una cosca emergente, che secondo le indagini imponevano tangenti a commercianti e imprese con intimidazioni e attentati con esplosivi e bottiglie incendiarie

Vota questo articolo
(0 Voti)

Cari Amici,

come già preannunciato con la precedente comunicazione, confermiamo l’incontro di Roma del 2 Dicembre-ore 11:00 – Piazza della Repubblica - Basilica Santa Maria degli Angeli - Sala dei Certosini -  entrata da via Cernaia.

L’iniziativa è rivolta a coloro che hanno passione politica,  in questo nostro grande e generoso Paese, che hanno accumulato delusioni dai partiti tradizionali. A coloro che avevano riposto le speranze di reale rinnovamento in nuovi soggetti politici ma che ne hanno dovuto riscontrarne i limiti ed i deficit di democrazia.

 

Domenica, 01 Gennaio 2012 00:00

SIAMO TUTTI TERRONI

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'attacco di Bossi, ex ministro del governo Berlusconi, al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, appellato come “terun”, è di una gravità inaudita. Accanto a Bossi c'erano altri due ex ministri licenziati: Calderoli e Maroni. Nell'esprimere solidarietà al Presidente della Repubblica dichiariamo che
SIAMO TUTTI TERRONI. 

Vota questo articolo
(0 Voti)

     Il seguente appello è sottoscritto da personalità oltre che da quati hanno costituito il Comitato promotore delle Tre Leggi di iniiativa popolare. L'appello è indirizzato a tutti coloro che condividono le tre proposte di legge che a norma dell'art. 71 della Costituzione il Gruppo promotore intende proporre. Prima di depositare le proposte al Parlamento riteniamo sia opportuno un allargamento del Comitato per la raccolta delle firme. Si invitano tutti coloro che sono interessati ad iscriversi al Comitato promotore collegandosi al sito www.nomos.name e iscrivendosi. Oppure rispondendo alla seguente mail avente all'oggetto ISCRIVIMI . Le adesioni saranno continuamente aggiornate sul sito www.nomos.name . Bisogna iscriversi per organizzarsi e buy canadian levitra online raccogliere le firme. Forse è la volta buona che il parlamento ascolti il popolo.

Pagina 1 di 2