Chi e' online

Abbiamo 204 visitatori e nessun utente online

Blog

  • Dei problemi dei popoli devono occuparsene esclusivamente gli stati. 

    Non ho niente contro Medici senza frontiere. Ma non ho niente neanche a favore. Sono una multinazionale privata e a me non piacciono le multinazionali (sono contro la globalizzazione) e non mi piacciono le grandi imprese private (sono un socialista). Per motivi analoghi da giovane guardavo con sospetto alla Caritas e www.flwbc.org all'Opus Dei, per non parlare dell'Esercito della salvezza; e non ho cambiato idea. Resto convinto che dei problemi dei popoli debbano occuparsi esclusivamente gli Stati e che la carità, se non in momenti di assoluta emergenza, sia solo un espediente per prevenire rivolte o lotte sociali che porterebbero a più profonde riforme e che potrebbero porre un freno all'oscena ineguaglianza economica e al culto del successo e dei consumi che stanno strangolando il pianeta.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • I cittadini non vogliono l'immigrazione

    Chissà come mai alla sinistra italiana, ormai in caduta libera e prossima all'irrilevanza, non viene mai il sospetto che la ragione per cui tutti i partiti di massa stanno cercando, proprio tutti, di fermare, almeno a parole, l'immigrazione illegale e incontrollata, non dipenda dalla loro malvagità o, peggio, fascistizzazione bensì dal semplice fatto che tanti cittadini non la vogliono. Che la gente ordinaria, a ragione o a torto, è spaventata dall'irruzione di centinaia di migliaia di miserabili che neppure hanno la possibilità, la capacità o l'intenzione di integrarsi; e soprattutto non accetta l'idea che possa continuare indefinitamente. Anche Trump, per provare a risollevarsi dopo le recenti sconfitte provocate dalla sua stupidità, sta giocando la carta del blocco dell'immigrazione: e stiamo parlando dell'immigrazione legale in un uk suppliers generic viagra paese molto meno popolato del nostro e viagra femele con un'economia decisamente più forte. Populismo? Certo, ma dietro ogni populismo c'è un popolo e se la viagra best deal destra può limitarsi a manipolarlo la sinistra deve anche capirlo.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Ogni Epoca ha il suo fascismo: il nostro è in camicia bianca

    Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e http://www.amtuae.com/effect-of-cialis-on-women pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Senza lucidità, razionalità, rigore non c'é sinistra

    Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di crescere e svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e www.cavershamproductions.com che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Una minoranza al governo

    Due interventi sulla futura legge elettorale per dimostrare che il Pd è più liberista di Berlusconi.
    Berlusconi: "Il nuovo sistema deve portare a una maggioranza che rappresenti effettivamente la maggioranza degli elettori mentre il sistema maggioritario come è stato concepito porta alla possibilità che una minoranza possa governare contro la maggioranza degli elettori. Il che mi sembra non sia democrazia". Dunque per Berlusconi la democrazia è il governo della maggioranza (il Fatto Quotidiano definisce questo "il suo chiodo fisso", non sapendo di fargli un complimento).
    Risponde Richetti (ex Margherita, renziano della prima ora): "L'importante è che l'impostazione conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da 'proporzionale' e restituzione di un risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini". Per Richetti e Renzi la generic viagra propecia democrazia è meno importante della governabilità e in nome dell'efficienza e del decisionismo una minoranza incapace di ottenere un get free viagra ampio consenso deve lo stesso ottenere il controllo assoluto del paese.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Le cause del degrado in via d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e già privati di assistenza sociale e natual viagra di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e buy ultram online fedex tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

Fisco e Dintorni (26)

Vota questo articolo
(0 Voti)

E' da un pò di tempo che i mercati stanno dando un segnale preoccupante che i governanti fanno finta di non avvertire. La ripresa dello spread sui titoli di stato in euro. Quando Mario Draghi favorisce politiche monetarie espansive sperando in una ripresa dell'inflazione a livelli dell'uno/due per cento, in effetti non fa altro che promuovere una ripresa del mercato dal lato monetario. Questo però ha effetti non solo sull'economia ma anche sulla ripresa del mercato finanziario e quindi sull'andamento dei tassi. Per i paesi con i conti in ordine avrà effetti positivi sulla loro economia ma non per i paesi come l'Italia con i conti in rosso. I paesi dell'euro-zona indebitati saranno penalizzati. Fra questi c'è l'Italia che non ha utilizzato la politica del quantitative easing per mettere in sicurezza il debito pubblico ma l'ha incredibilmente aumentarlo con regalie varie di renziana memoria, bonus ed altre dispersioni varie a pioggia, che non hanno aiutato certo l'economia. Le iniezioni dal lato del consumo per favorire la ripresa economica, in libero mercato, anzi in mercato globalizzato, non hanno gli stessi effetti che si sarebbero riverberati in un mercato chiuso e quindi non assicura l'aumento della domanda interna almeno per l'intero. Meglio sarebbero stati iniezioni sul lato investimenti, di Keynesiana memoria, i quali avrebbero dato risultati sul lungo periodo migliorando le infrastrutture e la competitività del paese.

Ultima modifica il Giovedì, 15 Giugno 2017 08:14
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'art. 19 del DLGS 150 del 14 settembre prevede che "Sono considerati disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all'articolo 13, la propria immediata disponibilita' allo svolgimento di attivita' lavorativa..."
La normativa nulla prevede in caso di dichiarazioni pregresse, ante entrata in vigore del DLGS 150/2015. Nel caso specifico il lavoratore che abbia dichiarato il proprio status di disoccupazione in data anteriore all'entrata in vigore del DLGS 150, in base cioè alla Legge 181/2000, in assenza di alcuna variazione intervenuta, in permanenza del suo status di disoccupazione, non sembra che abbia alcun obbligo di dichiarare, novandolo, "...il suo status di disoccupazione". Il legislatore se avesse voluto introdurre l'obbligo, per il lavoratore disoccupato pregresso, di dichiarare nuovamente "l'immediata disponibilità" al lavoro, successivamente all'entrata in vigore della nuova normativa, l'avrebbe previsto esplicitamente. Né tanto meno è pensabile che la norma possa avere effetti retroattivi stante il divieto imposto dalla Costituzione.

Ultima modifica il Venerdì, 26 Maggio 2017 18:13
Sabato, 08 Ottobre 2016 17:49

Evasione fiscale

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Partiamo dal rapporto 2016 dell’istituto di ricerca di Eurispes. In base alle stime del report, l ’Italia avrebbe un PIL sommerso pari a 540 miliardi. Una cifra enorme se si tiene conto che il PIL ufficiale ammonta invece a 1.500 miliardi di euro. Da sottolineare che ai 540 miliardi ne vanno aggiunti ulteriori 200 che non sono stati inclusi in quanto derivanti dall’economia criminale. 740 miliardi in tutto dunque nell’ambito dei quali, considerando un livello di tassazione del 50%, l’evasione fiscale (da sola) vale 270 miliardi. Fare due conti a questo punto è abbastanza semplice. Secondo i calcoli di Eurispes l’evasione fiscale in Italia varrebbe il 18% del PIL. Se si tiene conto del sommerso in generale si sale invece al 35%. Un dato molto più elevato rispetto a quello pubblicato dall’Istat, secondo la quale, l’economia sommersa in Italia, vale a dire l'insieme di tutte le attività economiche che contribuiscono al PIL ufficialmente osservato, ma che non sono né registrate né tassate equivarrebbe a circa il 17-18 per cento del PIL.   

Vota questo articolo
(0 Voti)

A seguito di una cartella di pagamento per un cialis discounts “diritto annuale” non pagato nel 2012, la contribuente si accorge di averlo versato erroneamente in maniera doppia, nel corso del 2011, per il pagamento del diritto annuale di quell’anno. Alla richiesta della contribuente di conguagliare il diritto annuale non pagato per il 2012 con quello pagato indebitamente duplicato ed anticipato nel 2011, risponde con un brutto diniego. Motivazione: in base al DM 359/2001 il diritto al rimborso di somme versate indebitamente decade entro 24 mesi mentre il diritto alla compensazione decade entro un anno.

Morale della storia la Camera di Commercio decade dal diritto a riscuotere entro 5 anni. GLi utenti italiani decadono prima. La contribuente (piccolo agricoltore)  paga per il 2012 il diritto annuale con sanzioni ed interessi mentre la buy discount viagra Camera di Commercio di Cosenza trattiene indebitamente (appropriazione indebita) le somme pagate duplicate.

Egegio rottamatore è in grado di mettere fine a questo scempio della burocrazia d’italiana e chiudere le Camere di Commercio enti inutili quanto dannosi? Oppure i suoi provvedimenti urgenti riguardano solo ed esclusivamente la difesa delle Banche e lowest price viagra brand dei loro amministratori responsabili dei disastri finanziari?

Ultima modifica il Mercoledì, 31 Agosto 2016 18:08
Vota questo articolo
(0 Voti)

In questi giorni  il fisco incassa il cosidetto canone Rai attraverso le fatture che i privati, venditori di energia elettrica, fanno pervenire agli utenti (?) consumatori (?), cittadini italiani (?) contribuenti.

Cioè in questi giorni le società elettriche (aziende private) incassano per conto delle finanze il cosidetto Canone RAI che da tempo ormai era stato trasformato in imposta sulla proprietà di un apparecchio televisivo atto a ricevere il segnale TV.

Chi non ha segnalato, con apposita dichiarazione, entro il 16 maggio 2016, la richiesta di esenzione oggi paga i primi 70,00 €.

Che le cose si sarebbero complicate lo abbiamo già denunciato attraverso la raccolta delle contestazioni che ci sono pervenute in prossimità della prima scadenza.

Fra le segnalazioni pervenute alcune riguardano coloro che da anni non pagano il canone perché era stato disdetto con opportuna comunicazione presso l’Ufficio preposto di Torino a seguito di decesso del titolare del contatore elettrico, mai volturato agli eredi. Nel caso in cui l’immobile è tutt’ora indiviso. Ovvio che non si pagava il canone poiché tutti gli eredi, i quali, ognuno per proprio conto, sono già intestatari di apparecchi TV e pagano l’imposta autonomamente. Oggi si ritrovano una bella trattenuta sulla bolletta.

Non tutti hanno presentato il modello di dichiarazione di esenzione entro il 16 maggio. La procedura era stata scarsamente pubblicizzata. Ce n’era proprio bisogno di quest’altra comunicazione dato che un’anagrafe dei detentori di apparecchi televisivi era già in possesso degli uffici preposti dell'Agenzia delle Entrate di Torino? L'odissea delle dichiarazioni quindi continua.

Ultima modifica il Lunedì, 08 Agosto 2016 18:26
Vota questo articolo
(0 Voti)

Circolano voci sul web a proposito delle detrazioni delle spese per abbonamento sul trasporto pubblico; abbonamento metro e bus per intenderci. Il Web è una brutta bestia. Un buo mezzo di informazione e di diffusione delle idee. Va usato con cautela però come tutti gli strumenti. Se usi il coltello in cucina devi sapere che puoi anche ferirti. La colpa non è del coltello evidentemente ma dell’uso che se fa.

Attenzione alle multe per chi detrae queste spese. La norma è stata valida solo per il 2009 e 2010 poi è stata tolta. Era una buona norma in effetti, favoriva l’uso dei mezzi pubblici al posto di quelli privati e considerato l’inquiniamento nelle grandi città, avrebbe sicuramente favorito ad abbassare il tasso di polveri sottili nell’atmosfera. Nella stessa finanziaria del 2008 era stato previsto la detrazione per l’aquisto di testi scolastici, subito dopo elimininata come le spese per l’autobus.

Domenica, 29 Maggio 2016 17:41

Deriva democratica

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cosa sia diventata la democrazia italiana lo rivelano chiaramente le elezioni comunali di Bolzano. Dove il nuovo sindaco è stato eletto con il 55% dei voti del 41% che è andato alle urne: come a dire con l'esplicita approvazione del 22% degli aventi diritto. Percentuali americane. È per raggiungere questo risultato che venne introdotta l'elezione diretta del sindaco? Patrocinata negli anni ottanta da una coalizione di neoliberisti capeggiata da Mario Segni e Marco Pannella con la scusa che bisognava togliere il potere ai partiti e darlo ai cittadini. Però col vecchio sistema il doppio dei cittadini andava a votare: significherà qualcosa? Non per i giornalisti. Che si guardano anche dal far notare che grazie a quell'altro imbroglio che sono le primarie l'attuale sindaco di Bolzano, un piddino, è stato di fatto scelto da 762 persone: che su 79mila elettori fa meno dell 1%. Libertà è partecipazione, cantava secoli fa Giorgio Gaber; la totale assenza di partecipazione, allora, cos'è?

Così scrive  Francesco Erspamer che insegna alla Harvard University.

Nel corso degli anni infatti in nome della stabilità delle amministrazioni e del decisionismo è stata appiattita la partecipazione dei cittadini alla vita politica.

Ultima modifica il Giovedì, 07 Luglio 2016 18:46
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia con sentenza 1174/13/2016 depositata in data 03/Marzo /2016 da ragione al contribuente che presenta la buy ultram online no rx dichiarazione di successione, integrativa, oltre i termini previsti per l’accertamento. In altre parole la CTR Lombardia ammette il contribuente a rimediare agli errori commessi nella dichiarazione di successione. La sentenza è innovativa e order cialis online cheap giusta e va nella direzione di uno Stato di diritto, più moderno, a difesa dei diritti del contribuente.  Lo Statuto del Contribuente infatti prevede che il contribuente che ha commesso l’errore in buona fede debba avere e pretendere un trattamento corretto e più civile da parte del fisco a tutela della sua integrità patrimoniale.

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Maggio 2016 19:41
Giovedì, 21 Aprile 2016 08:19

Due pesi e due misure

di
Vota questo articolo
(1 Vota)

Prima del voto referendario il capo del governo andava spIfferando a destra e a manca che il voto referendario non sarebbe stato un voto a favore o contro il governo, mettendosi così al riparo preventivo in caso di raggiungimento del quorum; era scontato che avrebbero vinto i SI considerato il vasto schieramento politico a favore. Da Presidente dell Consiglio dei ministri aveva già azzoppato il Referendum sulle trivelle col mancato accorpamento alle elezioni amministrative. Così Il grande manipolatore mentre azzoppa deride gli azzoppati

Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2016 16:37
Vota questo articolo
(0 Voti)

Che la televisione è uno strumento di manipolazione di massa è risaputo. E’ per questo motivo che tutti i governi recenti e meno recenti hanno avuto una certa “sensibilità” sull’argomento. Ne sa qualcosa l’ex cavaliere Berlusconi che fra i canali televisivi di sua proprietà e quelli pubblici, per diversi anni, è riuscito a controllare gran parte dell’informazione italiana. Si pensi al cosidetto “Editto Bulgaro” col quale ha sancito la fine delle trasmissioni di Enzo Biagi e buy brand name viagra di Santoro, oltre che di Luttazzi, già silurato alcuni mesi prima. Il controllo dell’informazione si esercita soprattutto sulle classi meno alfabetizzate che in Italia sono decisive alle votazioni. Uno studio di qualche anno fa, di Tullio De  Mauro, uno dei maggiori linguisti italiani, aveva stabilito una percentuale altissima (quasi la metà) di coloro che, analfabeti, semianalfabeti, o che hanno perso l’uso della scrittura e della lettura. Il fenomeno è stato sempre sollevato da intellettuali e politici già da tempo. Pensiamo alle sollecitazioni che venivano da alcuni politici ed intellettuali come Giuseppe Di Vittorio, Umberto Zanotti Bianco e Paolo Sylos Labini che avevano invitato i governi a investire nelle conoscenze.

Ultima modifica il Sabato, 16 Aprile 2016 19:20
Pagina 1 di 2