Chi e' online

Abbiamo 218 visitatori e try it nessun utente online

Blog

  • Dei problemi dei popoli devono occuparsene esclusivamente gli stati. 

    Non ho niente contro Medici senza frontiere. Ma non ho niente neanche a favore. Sono una multinazionale privata e a me non piacciono le multinazionali (sono contro la globalizzazione) e non mi piacciono le grandi imprese private (sono un socialista). Per motivi analoghi da giovane guardavo con sospetto alla Caritas e all'Opus Dei, per non parlare dell'Esercito della salvezza; e non ho cambiato idea. Resto convinto che dei problemi dei popoli debbano occuparsi esclusivamente gli Stati e che la carità, se non in momenti di assoluta emergenza, sia solo un espediente per prevenire rivolte o lotte sociali che porterebbero a più profonde riforme e che potrebbero porre un freno all'oscena ineguaglianza economica e al culto del successo e dei consumi che stanno strangolando il pianeta.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • I cittadini non vogliono l'immigrazione

    Chissà come mai alla sinistra italiana, ormai in caduta libera e buy cialis without a prescription prossima all'irrilevanza, non viene mai il sospetto che la ragione per cui tutti i partiti di massa stanno cercando, proprio tutti, di fermare, almeno a parole, l'immigrazione illegale e incontrollata, non dipenda dalla loro malvagità o, peggio, fascistizzazione bensì dal semplice fatto che tanti cittadini non la cialis sales uk vogliono. Che la gente ordinaria, a ragione o a torto, è spaventata dall'irruzione di centinaia di migliaia di miserabili che neppure hanno la possibilità, la capacità o l'intenzione di integrarsi; e soprattutto non accetta l'idea che possa continuare indefinitamente. Anche Trump, per provare a risollevarsi dopo le recenti sconfitte provocate dalla sua stupidità, sta giocando la carta del blocco dell'immigrazione: e stiamo parlando dell'immigrazione legale in un paese molto meno popolato del nostro e con un'economia decisamente più forte. Populismo? Certo, ma dietro ogni populismo c'è un popolo e se la destra può limitarsi a manipolarlo la sinistra deve anche capirlo.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Ogni Epoca ha il suo fascismo: il nostro è in camicia bianca

    Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e viagra online per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Senza lucidità, razionalità, rigore non c'é sinistra

    Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la viagra en gel sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di crescere e www.max-villas.eu svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Una minoranza al governo

    Due interventi sulla futura legge elettorale per dimostrare che il Pd è più liberista di Berlusconi.
    Berlusconi: "Il nuovo sistema deve portare a una maggioranza che rappresenti effettivamente la maggioranza degli elettori mentre il sistema maggioritario come è stato concepito porta alla possibilità che una minoranza possa governare contro la maggioranza degli elettori. Il che mi sembra non sia democrazia". Dunque per Berlusconi la democrazia è il governo della maggioranza (il Fatto Quotidiano definisce questo "il suo chiodo fisso", non sapendo di fargli un complimento).
    Risponde Richetti (ex Margherita, renziano della prima ora): "L'importante è che l'impostazione conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da 'proporzionale' e restituzione di un risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini". Per Richetti e Renzi la democrazia è meno importante della governabilità e in nome dell'efficienza e del decisionismo una minoranza incapace di ottenere un ampio consenso deve lo stesso ottenere il controllo assoluto del paese.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Le cause del degrado in via d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e cialis woman neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e già privati di assistenza sociale e di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e viagra ordering denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

Libri (16)

Mercoledì, 28 Dicembre 2016 12:12

Non è un Paese per onesti

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Non è un paese per onesti" 

Prima militante socialista, poi sindaco per caso, ematologo, deputato, polemista instancabile. Ha pubblicato Milano degli scandali, (1991) con Gianni Barbacetto - Laterza -  Da Craxi a Craxi, (1992) - Laterza -  Manifesto per un Paese normale, (1995) Baldini & Castoldi -  L'odore dei soldi, (2001) con Marco Travaglio - Editori Riuniti -  Le toghe rosse, (2002) Baldini & Castoldi  - La legge dell'impunità (2004) l'Unità - Il topino intrappolato, (2005) Editori Riuniti -  Il governo dei conflitti, (2006); con Francesco Paola - Longanesi -  Mafia pulita, (2009); con Antonio Laudati - Longanesi e  I Soldi dei Partiti, con Francesco Paola - Marsilio Editori. In una sola parola, un uomo coerente.

Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti perbene è il diario appassionato e scomodo di uno dei protagonisti del dibattito politico e generic propecia alternative civile italiano. Le battaglie in Comune per il nuovo Piano regolatore e una città a misura d’uomo, l’impegno in consiglio regionale, gli scandali nella sanità e il periodo buio di Mani pulite. La storia di un’altra italia raccontata tra le delusioni nei Palazzi del potere e l’entusiamo autentico della gente comune. Con una prefazione di Carlo Rossella, una postfazione di Vittorio Emiliani e un inserto fotografico originale.

Elio Veltri ha deciso di dare i diritti di autore ad Emergency e Medici senza frontiere.

Per questo l'autore è disponibile a fare la presentazione del libro ovunque in Italia. Si prega a tal eproposito di contattarlo alla sua mail personale   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 06 Gennaio 2017 18:52
Martedì, 24 Maggio 2016 11:34

Introduzione ai metodi diversi

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Non è facile definire che cosa sia un problema inverso anche se, ogni giorno facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi. Ad esempio riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo al lavoro o passeggiamo, riconoscere una persona conosciuta tanti anni prima etc. Eppure la nostra cultura non ha ancora sfruttato appieno queste nostre capacità, anzi ci insegna la realtà utilizzando i metodi diretti. Ad esempio ai bambini viene insegnato a fare di conto utilizzando le quattro operazioni. Guardiamo ad esempio la moltiplicazione, essa è basata sul fatto che presi due fattori e moltiplicati tra di loro si ottiene il loro prodotto. Il corrispondente problema inverso è quello di trovare un paio di fattori che diano quel numero. Noi sappiamo che questo problem può anche non avere una unica soluzione. Infatti nel cercare di imporre una unicità della soluzione utilizziamo i numeri primi aprendo un mondo matematico complesso. Probabilmente il più antico problema inverso fu fatto da Erodoto, attraverso l'interpolazione lineare. Il problema diretto è quello di di calcolare una funzione lineare, che fornisce un risultato quando si introducono due numeri, ma un problema inverso come quello dell'interpolazione lineare può avere una soluzione, nessuna soluzione, infinite soluzioni in relazione al numero e alla natura dei punti. 

http://www.amazon.com/dp/8847024943/ref=tsm_1_fb_lk

Vota questo articolo
(0 Voti)

Massimo Teodori è sicuramente un grande esperto di storia ed in particolare di storia americana. In questo libro inserisce Obama fra i più importanti presidenti della storia che gli Stati Uniti abbiano mai avuto. L’Autore si chiede Al termine del duplice mandato, è arrivato il momento di chiedersi se Barack Obama sia stato un buono o un cattivo presidente, un leader americano da celebrare o da biasimare.” Se egli abbia accelerato il declino degli Stati Uniti o lo ha rinnovato. Se ha messo in pericolo l’egemonia democratica degli USA e se ha salvato l’immagine del suo paese deturpata dalle imprese militari.

obama il grande

Molti i quesiti che l’autore pone come quello se sia riuscito Obama ad affrontare o meno a ridurre il razzismo, se abbia contribuito ad affossare o a risollevare l’economia delll’Occidente. Molti quesiti che da storico traccia un bilancio della figura di Obama alla vigilia delle elezioni per il rinnovo della carica presidenziale. L’analisi è molto stimolante e online cheap viagra ci trascina non in un racconto pedissequo degli avvenimenti ma in un’attenta analisi dell’operato di obama e del ruolo degli USA a livello planetario. Le ripercussioni della sua politica in occidente e in medio oriente il rulo che ha avuto con l’ISIS. Dall’altra parte, per la politica interna, un’attenta analisi della sua azione politica e dei cambiamenti apportati nella società americana. 

Ultima modifica il Venerdì, 11 Marzo 2016 20:23
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel 1991, un anno prima delle stragi di Capaci e di via d'Amelio, era già chiaro, per chi avesse la lucidità necessaria, che la mafia o, meglio, le mafie italiane avevano un metodo di comportamento che si stava espandendo nelle istituzioni politiche e nella società civile dell'Italia contemporanea e che la reazione dello Stato si era dimostrata, fino a quel momento, debole e www.medicprogress.com inefficace. Quello che sta accadendo ora appare come la conseguenza di una lunga coabitazione tra mafia e politica che è destinata a durare ancora fino a quando lo Stato non debellerà il fenomeno mafioso.

LA MAFIA COME METODO

Il saggio - pubblicato per la prima volta da Laterza nel 1991 e ora completamente rivisto e aggiornato fino agli ultimi avvenimenti e alle intercettazioni che coinvolgono il Presidente della Repubblica - sostiene la tesi, sottolinea Tranfaglia nella sua prefazione, che il problema della mafia o delle mafie che agiscono nel nostro Paese è centrale nella nostra storia postunitaria e che l'aspetto più preoccupante e pericoloso sta nel trasferimento, avvenuto negli ultimi quarant'anni, dei metodi propri dell'organizzazione mafiosa dalla criminalità organizzata alle amministrazioni pubbliche e private esistenti in Italia. Un simile trasferimento, sempre più radicalizzato, mette in crisi l'edificio costituzionale repubblicano, mina la coscienza civile, la fiducia nella politica e negli organi dello Stato. Nella fase drammatica che stiamo attraversando e cialis medication nella forte convinzione che lo studio del passato e l'accertamento della verità storica costituiscano ancora oggi strumenti efficaci per una moderna democrazia, il saggio di Nicola Tranfaglia contribuisce a ricostruire quello che è successo nei primi centocinquant'anni dell'Italia unita, indicando le conquiste e le contraddizioni delle numerose commissioni parlamentari di inchiesta, le battaglie e le sconfitte dei magistrati, le stragi terribili degli anni ottanta e novanta.

Vota questo articolo
(0 Voti)

“Amici miei, io non resto un minuto di più su questa sedia se la mia coscienza si ribella. Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione.” 
Sandro Pertini

Un libro  di Sandro Pertini come dice l'autore. 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 15 Maggio 2014 11:39
Martedì, 06 Maggio 2014 00:00

Il Combattente - di Giancarlo De Cataldo

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

 il combattente

 

 

Esistono uomini talmente smisurati, complessi e contraddittori che sembra impossibile raccontarli. Per esempio, come si racconta la vita di uno come Sandro Pertini, che ha attraversato da protagonista tutte le stagioni del Novecento italiano? Da dove si parte: dal giovane soldato in azione tra le trincee della Prima guerra che, pur contrario al conflitto, combatte furiosamente e cheap cialis in uk conduce i suoi soldati in imprese al limite della follia? Dal militante socialista, picchiato e bandito dal fascismo, che al fianco di Turati fugge dall'Italia su un motoscafo nel mare in tempesta? Oppure dal partigiano che, dopo quattordici anni fra carcere e confino, diventa intransigente giustiziere di camicie nere? O magari dall'ultima fase, dall'immagine benevola del vecchietto con la pipa? Rispondere a queste domande è la sfida del Giancarlo De Cataldo protagonista di questo libro. Sfida doppia, perché da un lato è chiamato a sceneggiare un film sul "Presidente di tutti gli italiani", dall'altro cerca di spiegare a suo figlio tredicenne la grandezza di quell'uomo, e il contrasto, doloroso, tra passato e presente. Ma per lui il combattente Pertini è qualcosa di più: è un'affinità elettiva, è l'integrità che illumina la lunga notte del regime e della prima repubblica, è l'orgoglio delle idee, è la furia della battaglia. E l'eroe incorruttibile, libero, severo, ma anche guascone e maldestro, che tutti noi vorremmo avere accanto.

Ultima modifica il Giovedì, 15 Maggio 2014 11:44
Sabato, 21 Dicembre 2013 21:05

Il MUOStro di Niscemi 

di
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Mazzeo -  Il MUOStro di Niscemi  - Per le guerre globali del XXI secolo -  pagine 164 - formato 14x21 - anno 2013 - ISBN 9788897826279 -  prezzo € 15,00 - sfoglia l'anteprima (PDF)
 
 
 
Ultima modifica il Sabato, 21 Dicembre 2013 21:11
Domenica, 21 Aprile 2013 05:41

IN DIFESA DELLA SCUOLA STATALE

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

"In un momento drammatico per la scuola statale italiana che si aggiunge per di più al pericolo imminente di una crisi istituzionale ed economica senza sbocchi, o peggio in una guerra civile contro le caste (non disposte a cedere su nulla), mi è parso necessario rileggere le mie denunce di questi ultimi quindici anni e portale a sostegno dei giovani studenti scesi in piazza insieme ai precari di ogni tipo. Lo faccio ben volentieri perchè le mie lotte sono sempre state fatte, con passione, coerenza e senza sconti per alcuno, sia mentre ero in apspettativa senza assegni all'estero o quando prestavo servizio in ciascuno dei seguenti Istituti Superiori... per una scuola Statale Gratuita e cialis 20mg one a day senza alcun finanziamento alle Scuole Private: dando di più a chi ha di meno, in un'ottica di pari opportunità, trasparenza e legalità."

Ultima modifica il Domenica, 21 Aprile 2013 06:05
Venerdì, 19 Aprile 2013 00:00

SCHIAFFI

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Che cosa c'è dietro l'emarginazione femminile? In politica esiste una fortissima resistenza alla reale partecipazione femminile. Eppure in apparenza le donne sono chiamate a condividere l'impegno sociale dei partiti. Dimostrare in che cosa consista il cosiddetto "muro di gomma" non è un'impresa facile, ma il diario di Wanda introduce in un clima culturale e antropologico che spiega come di fatto le opportunità per le donne di "progredire alla pari" sono inesistenti.
Il diario di bordo non è circoscritto ad un solo luogo della politica, descrive azioni di personaggi pubblici, gran parte delle iniziative partitiche e dei gruppi femminili associati che non si sono risparmiati fatiche e impegno per cercare di modernizzare il Paese.
Wanda narra 15 anni di esistenza politica in Italia, a partire dalla Consulta delle Donne, luogo di coinvolgimento e "partecipazione attiva" mantenuto in vita col il soffio dell'anima e con coraggio incrollabile, mai sostenuto fattivamente dal suo partito. Esistono leggi che invece impongono il diritto di cittadinanza politica delle donne, primi fra tutti gli articoli 3, 51, e 49 della Costituzione italiana. Esistono norme che indirizzano piccole percentuali dei tanto odiati finanziamenti elettorali in favore della politica femminile (art. legge n. 157 del 3 giugno 1999), tuttavia - come si evince dalla narrazione di questo testo - nulla è stato dato, tra lo scempio generale dei soldi pubblici, alla "partecipazione attiva delle donne", che invece si sono autotassate, e impegnate fino allo sfinimento per perseguire la conquista di un diritto, mai riconosciuto nei fatti. Questa storia di passione civile è vissuta e uk softabs cailis levitra descritta dall'interno delle segreterie partitiche, con aneddoti di impegno nella quotidianità, non priva di ironia, sense of humor, critica sulle scelte discriminanti, sogni, piccole conquiste e delusioni, e con una speranza di cambiamento mai sopita nonostante le traversie, le dure ripercussioni acuitesi nel tempo, ed ancora pesantemente esistenti nella vita di Wanda che continua con coraggio la sua battaglia.

 

Ultima modifica il Domenica, 21 Aprile 2013 06:04
Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 
Non si poteva commentare meglio il degrado del Vaticano, portato alla luce con Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI, da come è stato espresso dal quotidiano cattolico francese “La Croix”: “I giochi di potere tra i clan, le influenze degli affari interni della Chiesa italiana e delle sue relazioni con lo Stato offuscano la missione universale della Santa Sede”.
Ultima modifica il Venerdì, 05 Ottobre 2012 07:25
Pagina 1 di 2