Chi e' online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

Blog

  • Il senso profondo della vittoria referendaria

    Nelle nebbie del politicismo e delle strumentalizzazioni della crisi di governo rischia, dal punto di vista dell’immagine complessiva, di smarrirsi il senso profondo della vittoria referendaria. E’ bene ricordarlo: premesso che lo strumento referendario nell’occasione è stato messo in moto dallo stesso Governo alla ricerca di una legittimazione popolare mai avuta e che le stesse riforme costituzionali erano state promosse dall’Esecutivo. Un passaggio che ha di fatto identificato la riforma con il Governo: una vera pericolosa anomalia istituzionale. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La milano dove ha vinto il sì.

    La Milano dove ha vinto il sì.

    Milano non è solo la free sample prescription for viagra più grande città del Paese per ricchezza prodotta. È anche la città più sensibile d’Italia ai discorsi sulla governabilità, sull’equilibrio, sulla stabilità, in nome dei daneé da conservare, dei soldi da moltiplicare, del potere da accrescere.

    A Milano si è affermato un banchiere che si chiamava Michele Sindona, che insegnava ai milanesi come non pagare le tasse (e, già che c’era, riciclava i soldi di Cosa nostra). A Milano è nato il craxismo, poi il bossismo, poi il berlusconismo. A Milano, proprio nel centro, collegio 1, veniva eletto il senatore Marcello Dell’Utri, ora in carcere per i suoi rapporti con la mafia.

    I suoi elettori si sono ora convertiti alla “governabilità” di Renzi e al sostegno del sì. Felici del passo avanti. Ma il Pd, invece di gioire acriticamente considerando Milano “all’avanguardia nell’innovazione politica”, forse farebbe bene a interrogarsi perché, in tutta questa modernità, ha conquistato il centro ma ha perso le periferie e i giovani.

     

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La progressiva perdita della nostra sovranità popolare.

    Cari amici, 

    immagino che in queste settimane molti di voi saranno stati bombardati da notizie e proclami sul referendum costituzionale confermativo del prossimo 4 dicembre.

    Io mi sono ripromessa di rispettare sempre le scelte di ognuno, ma credo che per convincere gli indecisi siano state realizzate campagne di vera disinformazione e canadian pharmacy cialis pfizer che le pressioni esterne  sulle nostre scelte costituzionali interne siano state indebite e sospette.

    Ricordo i referendum costituzionali che hanno preceduto quello del 4 dicembre e sinceramente devo confessare che rimpiango il SI alle modifiche del Titolo V realizzate nel 2001. E, purtroppo, non posso non pensare al silenzio e alla clandestinità che hanno accompagnato la modifica dell'articolo 81 della Costituzione, quello che ci ha portato al pareggio di bilancio obbligatorio e alla necessità di elemosinare dall'Europa quella poca flessibilità ( del resto molto male utilizzata!) che ci fa apparire degli accattoni! Quella modifica costituzionale fu approvata in poco più di sei mesi, con un percorso  iniziato il 5 ottobre 2011 e conclusosi il 17 aprile 2012. In sei mesi, quindi, e nel quasi totale silenzio dei media, si realizzò una modifica costituzionale, di rango analogo a quella che sta incendiando gli animi in tutto il Paese. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Se vince il NO

    di DA INTERNET

    Renzi ha detto che se vince il NO si torna indietro di 30 anni.
    ...Splendido!
    Nel 1986...
    - non esistevano i contratti cococo, progetto, jobact, da dipendente a partita iva, voucher, ...
    - si andava in pensione ad una età decorosa
    - c'era l'articolo 18 e le tutele per il lavoratore
    - la benzina costava £1.258 tradotto in €0,65 al litro
    - non c'erano suv tra le palle
    - c'erano tanti concorsi per i posti pubblici
    - la rai mandava in onda film in prima visione e trasmissioni senza interruzioni di pubblicità
    - non c'era il ticket nella sanità pubblica
    - a 25 anni ci si poteva permettere di metter su famiglia. 
    - i bambini giocavano per la strada.
    - Berlusconi non era in politica e Renzi era il più preso per il culo dai suoi compagni alle elementari.
    -non c'era la "buona scuola", ma la scuola era buona davvero. 
    Allora che aspettate a votare NO?!?

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tutti a parlare di due cose; il resto non conta nulla.

    Tutti a parlare di due cose: la bombetta di New York e buy levitra on-line il primo italiano che si è comprato un iPhone 7. 
    Ormai la female viagra online gente ha solo esperienze a telecomando e sono tutte assolute, mai relative. Non conta il pericolo reale, non conta il merito, non contano le cause, le capacità, l'utilità sociale o personale, non conta neppure quello che è davvero successo. Se media e social ripetono mille volte la stessa notizia per tanti è mille volte più rilevante di una notizia, non importa quanto grave, data una volta sola. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Quelli non erano inciuci.

    Leggo che Peter Gomez è convinto che "il M5S non ha alcuna possibilità di governare questo paese". Sulle prime penso che improvvisamente l'ex cronista de Il Giornale sia rinsavito, poi ascolto tutto l'intervento e scopro che il M5S non governerà, non perchè sia un'accozzaglia di incapaci e ciarlatani, ma perchè, con il solito inciucio, centrosinistra e centrodestra modificheranno la legge elettorale per impedire la vittoria di Grillo. La capacità che hanno al FQ di costruirsi delle comode narrazioni in cui tutto torna e congiura verso il solito complotto è incredibile. Come è incredibile l'ingenuità di pensare che esistano leggi elettorali che fanno vincere qualcuno e discount cialis without prescription fanno perdere qualcun'altro! Ricordo poi che quando l'Italicum è stato approvato il M5S aveva già vinto al ballottaggio a Parma e Livorno, grazie proprio ai voti del centrodestra. Ma quelli però, per carità, non erano loschi inciuci....

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Surplus commerciale tedesco e debito pubblico Italiano.

    Del surplus commerciale tedesco e del debito italiano. Il surplus tedesco viaggia quest'anno sul 9 %, troppo. La Germania investe troppo poco a casa. Berlino non solo potrebbe permettersi di più, ma lo dovrebbe fare. Il bilancio statale e' in surplus, il Debito scende a breve a 60% del PIL, l'economia cresce del 1,7% quest'anno, come minimo, il mezzo milione di nuovi posti di lavoro si creano, come ogni anno.
    Allora lo dovra' fare. Ben venga dunque la pressione internazionale e italiana.
    Una riduzione del surplus tedesco pero' non si trasforma automaticamente in guadagno per le casse italiane. Gli investimenti invocati in Germania toccherebbero in primis aziende tedesche e al medio termine aumenterebbero soltanto la competivita' tedesca, riproponendo il problema primario.
    Se Renzi spera che l'attacco (giusto) al surplus tedesco gli risolva il problema del suo bilancio in perenne deficit, si sbaglia. La bassa produttivita' e la inferiore competetivita' italiana hanno cause domestiche, solo.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

La sentenza della Corte di appello di Milano con la quale i giudici mi quadruplicano la sanzione pecuniaria, merita di essere pubblicata e commentata nei  i passi più significativi, perchè chi legge si renda conto se tutti siamo davvero uguali di fronte alla legge. Questo l’antefatto.

Nel 2010 il tribunale di Monza condannava il giornalista Felice Manti, il direttore del Giornale Mario Giordano e me per una intervista. Il Giornale aveva pubblicato l’intervista con un titolo diffamatorio( Di Pietro tesserò 241 criminali) dal quale ho preso subito le distanze con una lettera pubblicata. La mia frase incriminata è la seguente:” Sa che i soldi del finanziamento pubblico finiscono a loro tre( Di Pietro, Mura e hyosilver.com Mazzoleni) e non al partito?”. Secondo il giudice di Monza la generic viagra overnight shipping diffamazione è dovuta a quel “ non al partito”. In effetti i soldi andavano all’Associazione a tre che costituivano “la totalità dei soci”,  “soggetto diverso   dal Movimento politico “ Italia dei Valori” secondo l’ordinanza del giudice di Roma de 23-7-2008. Non ho mai detto e l’ho anche scritto che i soldi andassero nelle loro tasche. In appello a Milano i giudici di fatto mi hanno quadruplicato la sanzione valutando l’intento diffamatorio delle mie tre parole come il titolo:” Di Pietro candida 241 criminali”.

Più oltre è scritto che io avrei potuto chiedere come esponente del partito tutti i chiarimenti necessari. L’affermazione è falsa perchè io ero uscito 8  anni prima dall’IDV. Nella sentenza si legge un’altra perla a proposito della gestione del finanziamento pubblico che riporto integralmente:” E’ pur vero che l’Associazione può richiedere i finaziamenti pubblici alle autorità preposte.... ciò tuttavia non significa che tali fondi siano completamente sottratti alla vita del partito”. Ma si rendono conto i signori giudici di quello che scrivono? Quasi che una parte del finanziamento pubblico potesse essere dirottato altrove. Ma non è finita. La Corte di Appello di Milano ci  consegna un’altra perla:” dai documenti prodotti emerge una gestione in parte non trasparente dei fondi dell’Associazione, la quale lascia aperti numerosi sospetti di una certa opacità di gestione”. Ho presentato ricorso in Cassazione sperando di trovare il famoso giudice a Berlino. Ma pubblico i documenti perchè con sentenze di questa fatta i giudici fanno danni incalcolabili alla magistratura e alimentano le polemiche di chi li accusa di usare il loro potere per fini politici e per difendere la corporazione. Se fossi disinvolto manderei la sentenza agli avvocati di Lusi, Fiorito e altri che potrebbero usarla per difendersi. Ma ho troppa autostima , non gioco mai allo sfascio e non lo faccio. Concludo con una valutazione tratta dalla mia esperienza personale senza illudermi che qualche responsabile politico ne faccia tesoro. Sono uscito nel 1981 dal PSI di Craxi quando il segretario del partito si apprestava a diventare Presidente del consiglio. Se avessi sbagliato l’analisi delle condizioni del partito oggi avremmo nel nostro paese uno dei grandi partiti socialisti europei. Anche dall’IDV sono uscito da vice presidente, 11 anni prima che il partito si sfaldasse. Per di Pietro vale lo stesso ragionamento: se avesse ascoltato i consigli di chi aveva fondato con lui il partito e di molti militanti per bene, oggi IDV sarebbe un partito a  due cifre, utilissimo al paese. Craxi ha risposto alla mia uscita e purchase female viagra di altri con un pesante attacco politico. Di Pietro con le querele e le minacce di mandarmi l’ufficiale giudiziario. Il primo l’avevo sempre combattutto politicamente. Al secondo ho dato 7 anni della mia vita e delle mie capacità nel momento più difficile della sua vita.

Nei Panama Papers compare la terza lista di italiani con società nei paradisi fiscali: dopo la lista Falciani e quella della banca svizzera Credit Suisse, sede di Milano, è la volta dello studio legale Ramon Fonseca e Jurgen Mossak di Panama. Complessivamente, per quanto è emerso dalle inchieste dell'International Consortium of Investigative Journalists di cui fa parte  L'Espresso, unico giornale italiano, si tratta di oltre 25 mila italiani che hanno imboscato circa 30 miliardi di Euro nei paradisi fiscali per non pagare le tasse. Una mega finanziaria. E poi dicono che non ci sono soldi! La ricchezza individuale nascosta   nei paradisi fiscali viene stimata  7600 miliardi di dollari. Più del PIL di Germania e Regno Unito messi insieme e levitra daily quattro volte il PIL italiano. Soldi sottratti al fisco, necessari  per gli investimenti a sostegno dello sviluppo, contenere il debito pubblico,  garantire i servizi essenziali che di fatto si stanno privatizzando senza dirlo( quando per eseguire una mammografia o una colonscopia occorre aspettare da un anno in su, la gente o rinuncia e non si cura o fa qualsiasi sacrificio e va dal privato che esegue gli esami il giorno dopo e magari lavora anche nell'ospedale pubblico dove le liste di attesa sono lunghissime). Insomma, anche se chiamata diversamente, è una Tangente.

Carissimi, condivido tutte le cialtronerie raccontate da Marco Travaglio sul Presidente del Consiglio. Ma attenzione: lui sa essere serissimo quando si tratta dei più ricchi, i più mascalzoni come gli evasori fiscali e i peggiori nemici di questo paese. Cito l'ultimo fatto. La sede milanese della banca Credit Suisse ha organizzato l'esportazione di 14 miliardi di euro appartenenti a 13 mila italiani, nelle banche del gruppo collocate nei paradisi fiscali. Quel che è più grave, ha anche imposto ai suoi dipendenti pagati per truffare gli Stati, compreso il nostro, un decalogo con le regole da osservare perchè le operazioni  vadano in porto. Ne ha parlato l'Espresso, ma se n'è occupata anche la magistratura milanese con un magistrato che  questi argomenti conosce bene. Si chiama Francesco Greco. Più grave degli atti che hanno favorito l'enorme l'esportazione di capitali è il silenzio del governo: del Presidente del consiglio e del Ministro dell'economia.

La Corte Europea di Strasburgo ha condannato L'Italia a risarcire con 20 milioni circa, danni e viagra fed ex morti di cittadini curati con sangue ed emoderivati infetti che hanno trasmesso AIDS, Epatiti ed altre malattie virali. Una vera strage di Stato che si è consumata in tutto il mondo, ma soprattutto Stati Uniti, Germania, Francia, Italia, Gran Bretagna e Romania, che ha causato da 20 mila a 30 mila morti. Più di quanti ne abbiano fatto il terrorismo delle varie epoche. Vittime incolpevoli, Emofilici, Talassemici, e altri malati, che per vivere avevano bisogno di trasfusioni di sangue e derivati del plasma.  Decine di migliaia di morti in tutto il mondo, con migliaia di bambini morti di AIDS.    Nella storia moderna non si era mai verificato che un farmaco scelto per curare una malattia avesse fatto più morti della malattia che avrebbe dovuto curare.

Il 3 dicembre del 2009 il procuratore della Repubblica di ModenaVito Zingani alla Gazzetta ha dichiarato: “Anche a Modena i soldi sporchi alimentano l’economia locale, quella onesta. Se per magia avessi il potere di sradicare il crimine dalla città, mi caccereste perché l’avrei rovinata”. Le parole pronunciate da un magistrato serio e preparato erano pietre. La scorsa settimana in una trasmissione televisiva Marco Travaglio ha detto che l’economia nera e illegale del nostro paese vale 400 miliardi di Pil. In qualsiasi altro Paese conduttore e interlocutori avrebbero o contestato il dato con fatti e numeri o sarebbero intervenuti nel merito per parlare della componente sommersa e criminale dell’economia, delle conseguenze istituzionali, economiche, fiscali e dell’incidenza sul debito pubblico. Invece i partecipanti erano interessati solo al teatrino della politica che nei talk show è diventato la regola.

Negli anni il nostro Paese ha consolidato, insieme alla Grecia, il primato della incidenza dell’economia sommersa e criminale. Per cui, una parte consistente della ricchezza del Paese è sconosciuta all’erario, non paga le tasse, si alimenta di corruzione riciclaggio, esporta illecitamente capitali. E viene alla luce solo quando la magistratura scopre reati connessi, dal momento che partiti, istituzioni e cialis india pharmacy sindacati, anche padronali, non si accorgono di nulla. O se ne disinteressano. Vale la pena fornire qualche dato sull'incremento del fenomeno di anno in anno.

 E' in corso a Perugia il processo che vede imputati per peculato Nicolò Pollari ex direttore del SISMI dal 15-10-2001 al 2006 e Pio Pompa direttore di sezione e collaboratore di Pollari. Il capo di imputazione è dovuto al fatto che Pio Pompa aveva a disposizione una sede, uomini e mezzi che venivano usati per fini tutt'altro che istituzionali.  Forse qualcuno ricorderà che un gruppo di magistrati, giornalisti, parlamentari furono sottoposti a cure particolari dagli uomini dei nostri servizi segreti e in pratica spiati. Tra le persone e le associazioni soggette a cura particolare anche il sottoscritto e le associazioni Democrazia e legalità e Opposizione Civile, fondata insieme a Paolo Sylos Labini ed Enzo marzo.  Allora destò molta preoccupazione una frase di Pio Pompa il quale disse che le persone sottoposte ad attenzioni e discount propecia propecia quindi a minacce, calunnie ecc andavano “ disarticolate”.

Quando nel settembre 2013 abbiamo avviato il progetto della Costituente socialista l'abbiamo definito una impresa disperata ma necessaria. Moltissimi compagni e amici allora erano convinti che il partito democratico potesse interpretare le speranze di milioni di lavoratori e giovani e rappresentarne gli interessi. Giorno dopo giorno con la segreteria e il governo Renzi, che hanno dovuto registrare il crollo delle iscrizioni al PD, ha preso corpo un grande movimento sociale legato ai valori della sinistra e della solidarietà, senza rappresentanza politica e, quel che è più grave, senza rappresentanza istituzionale. La partecipazione al voto, soprattutto in Emilia Romagna, banalizzata da Renzi come scarsamente importante rispetto alla conquista della Regione, si commenta da sola. Le condizioni del paese, che alla prima acqua si sbriciola e che la corruzione pervasiva e online ordering levitra diffusa aggrava, fino a corrodere le istituzioni democratiche, ci dicono che l'impresa è possibile e impongono di accelerarne i tempi. Senza sbocchi politici e istituzionali, infatti, il rifiuto della politica e delle istituzioni democratiche può debordare in episodi di violenza già in corso in alcune regioni. Inoltre si accentua il rifiuto nei confronti dell'Europa che negli ultimi 70 anni ha costituito il salvagente e la speranza di centinaia di milioni di cittadini, figli della stessa storia, cultura e benessere

La guardia di finanza calcola che l'evasione da esportazione illecita di capitali equivale al 29% del totale dell'evasione del paese. Quindi, ogni anno da 50 a 70 miliardi di euro sotratti allo Stato, volano verso la Svizzera, il Lussemburgo, paradiso fiscale governato per venti anni dal neo-presidente della Commissione Europea, e verso altri paradisi fiscali. Il governo non se ne occupa e tace e così fanno in Parlamento maggioranza e best deal for propecia opposizione. Tutti zitti perchè gli evasori votano, sono circa 15 milioni e nessuno vuole rinunciare ai loro voti. Ma qui stiamo parlando dei grandi evasori annidati nell'economia sommersa e criminale, pari a 600 miliardi di PIL, che non sono certo milioni.

 

 

 

Il numero di Panorama in edicola apre con un articolo di Laura Maragnani sulla parcella di 2,5 milioni di euro che l'avvocato Scicchitano ha presentato all'Italia dei Valori. Il titolo si commenta da solo:” Una fattura che affossa l'IDV”. Ma non è stato questo l'argomento che ha richiamato la mia attenzione, anche se indirettamente mi riguarda. Sono stato attratto dalla copertina con Renzi trasformato in vampiro che succhia il sangue degli italiani con una ulteriore aumento delle tasse che il settimanale Mondadori dà per certo a partire da Settembre e dai servizi, a cominciare dall'editoriale del direttore Giogio Mulè, che è davvero impietoso nei riguardi del capo del governo e dell'intera compagine, trattata da improvvisatori, incompetenti, parolai e bugiardi. Il giornale pubblica un servizio su Cottarelli, definito molto competente e costretto a ritornare al Fondo Monetario Internazionale da dove era venuto per tagliare la spesa improduttiva e just try! clientelare, dal momento che il premier ha deciso di buttare nel cestino il lavoro fatto dal tecnico. E poi, due pagine dedicate a “ Tutti i figli di mamma Leopolda”, una mappa davvero impressionante degli amici e sodali del Presidente del consiglio, alcuni del tutto sconosciuti, portati a Roma, per lo più dalla Toscana e già nominati ministri, sottosegretari, dirigenti di grandi enti pubblici e di dipartimenti importantissimi della pubblica amministrazione o ad essi destinati. Con una operazione che non ha precedenti nella storia repubblicana, nemmeno con i governi a larga maggioranza democristiana, Renzi ha lottizzato tutti gli incarichi e ha chiamato i sui fedelissimi, spesso non sufficientemente competenti, a ricoprirli.

Dopo il marciume dell'EXPO, neanche il tempo di elaborare il lutto del paese in mutande, ecco lo tsunami di Venezia. Tutto il ceto politico, quello arrestato e quello indagato, ma anche quello che ha taciuto o ha girato la testa dall'altra parte, c'è dentro fino al collo. La verità è che i partiti non arrivano mai prima della magistratura e non perchè non sanno, ma perchè non vogliono. E' tipico dei partiti del nostro tempo. Nella prima repubblica c'era la partitocrazia con i partiti. Ora scorazza la partitocrazia senza partiti. E quando arrivano le manette ascoltiamo espressioni di meraviglia: Orsoni, una persona tanto per bene, ma chi l'avrebbe mai detto! Galan , si è vero un po' disinvolto, ma tutto sommato uno che ha saputo governare!. Gli organi di garanzia nei partiti non esistono. Nessuno ha la curiosità di conoscere le spese elettorali effettive dei candidati; le assunzioni con lauti stipendi dei familiari e degli amici; gli acquisti di case di lusso e try it le ristrutturazioni milionarie; i tenori di vita che nessuna indennità di carica potrebbe giustificare. Nessuno. Tutti tacciono; l'omertà e i ricatti la fanno da padroni. Questo sono diventati i partiti oggi.
Pagina 1 di 9