Chi e' online

Abbiamo 23 visitatori e levitra in canada nessun utente online

Blog

  • La strana scuola di Renzi

    di Marina Boscaino

    Sta accadendo una cosa piuttosto curiosa. Matteo Renzi, esasperando il personalismo istrionico al quale ha improntato tutta la sua attività di governo, dopo aver annunciato con un semplice filmato i contenuti del documento La buona scuola, ha dato il via – on line – al presunto “ascolto” degli addetti ai lavori: docenti, genitori, studenti, personale Ata (che per la verità non è mai nominato nel documento). In questo strano modello di pseudo-democrazia che ci siamo fatti calare addosso senza avere quasi nulla da eccepire, la consultazione sociale avviene sul web e non nelle piazze; e meno che mai nei luoghi istituzionali deputati alle audizioni.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Lampedusa sentinella Nato del Mediterraneo

    Lampedusa torna a fare da avamposto delle forze armate italiane e Nato nel Mediterraneo. A dare nuova linfa ai processi di militarizzazione della piccola isola a sud della Sicilia, l’installazione di due potenti impianti di sorveglianza radar. Come rivelato dal settimanale L’Espresso, gli impianti di Lampedusa hanno ricevuto il primo via libera con la viagra tablets conferenza di servizio del 15 luglio scorso. Il primo di essi sarà predisposto dalla Marina militare nell’ambito del programma pluriennale di ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture nazionali (in tutto undici), facenti parte della Rete radar costiera (RRC) e della Centrale di Sorveglianza Marittima Associata (CSMA), la piattaforma fondamentale per la cosiddetta Consapevolezza della Situazione Marittima che consente di avere sotto controllo tutte le attività navali in corso nel Mediterraneo. Avviato dal ministro della Difesa nel maggio 2009, il programma prevede l’acquisizione di radar di nuova generazione per la sorveglianza Over the inexpensive viagra Horizon (cioè per l’individuazione di grandi obiettivi “nemici” oltre l’orizzonte ottico), prodotti da aziende del gruppo Finmeccanica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Dedicato ai fascisti inconsapevoli d'Italia

    di Primo Levi

    Dedicato ai fascisti inconsapevoli d'Italia:
    "Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la http://www.intercopters.com/cialis-soft-canada sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti."

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Note urgenti sulla riforma del Senato del Presidente nazionale dell’ANPI, Carlo Smuraglia

    di Carlo Smuraglia

    Non posso assolutamente tacere di fronte al fatto che al Senato si sia deciso di imporre la cosiddetta “ghigliottina” sulla discussione in atto sulla riforma del Senato, fissando il voto conclusivo, quale che sia lo stato dei lavori a quel momento, all’8 agosto. E’ un fatto che considero molto grave (non ho tempo né modo di concordare queste dichiarazioni con la Segreteria e quindi me ne assumo la personale responsabilità), che dimostra ancora una volta che non si è compreso che la Costituzione e le norme che tendono a modificarla non sono leggi come le altre, ma fanno parte di quel complesso normativo che è la base di tutto il sistema e canadian pharmacy cialis pfizer della stessa convivenza civile. 

     Se la Costituzione impone maggioranze molto qualificate per l’approvazione delle modifiche, se vuole due letture consecutive da parte di ogni Camera, se prevede che tra la prima e la seconda lettura ci deve essere uno spazio “di riflessione” di tre mesi, questo significa che si vuole una discussione approfondita, su tutti i temi, che ciascuno possa riflettere, decidere, votare (anche secondo coscienza), che vi sia dibattito, confronto e meditazione. Non è concepibile imporre, in questo contesto, una “tagliola”, fissare dei tempi stretti e inderogabili per l’approvazione. Altrimenti, sarebbe vanificato proprio lo sforzo del legislatore costituente di fissare quella serie di regole che ho indicato prima. 

     

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Lo smantellamento della scuola pubblica

    di Piero Castello

    La manifestazione del 15 Luglio potrebbe costituire la ripresa di un Movimento di lotta contro lo smantellamento della scuola pubblica ma anche l’inizio di un conflitto sociale generalizzato contro le politiche di austerità e impoverimento progressivo dei lavoratori.
    Penso che sia giusta l’attenzione che finora si è prestata, sia in rete sia nel corso dell’assemblea del 8 luglio a Roma, ai proclami, alle piroette, l’andirivieni del sottosegretario Reggi sulle 36 ore settimanali degli insegnanti, sull’apertura delle scuole fino alle 10 di sera, sul taglio di un anno alle superiori. Ancorché si tratti di manifestazioni di un insulso, ignorante, e prepotente membro del governo in questi anni abbiamo avuto modo di sperimentare quanto dannosi per la scuola pubblica siano personaggi della stessa caratura.
    Ma un movimento che proggetti un’azione costante continua ed efficace deve riuscire a distinguere da subito il “fumo dall’arrosto”. In questo frangente il “fumo” sarà costituito dalle varie forme di attacco e provocazioni in cui si esibiranno sottosegretari, ministri, presidenti collaborazionisti e complici, sindacati concertativi compresi.
    L’”arrosto” è costituito invece da quanto il presidente Renzi e il ministro Padoan hanno messo nero su bianco nel Documento di Economia e Finanza 2014 approvato da Consiglio dei Ministri il 28 Aprile, e trasmesso tre mesi fa alla Commissione Europea.
    Il Documento quantifica in una tabella (pagina 71, Tav. IV.3 ) che la spesa pubblica complessiva per i servizi sociali essenziali passerà 50,6% del 2010 al 47,0% nel 2035, poi continuerà a diminuire fino al 2.060 riducendosi al 42,8%, ossia 7,8 punti percentuali in meno rispetto al PIL.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • I fastidiosi pidocchi nella criniera...

    di Vittorio Emiliani

    Il dissenso non è mai piaciuto molto nella politica italiana e, in fondo in fondo, neppure alla stampa italiana. I più vecchi ricordano quando Palmiro Togliatti definì “pidocchi nella criniera di un nobile destriero” (il suo Pci) i due dissidenti Aldo Cucchi e buy levitra on-line Valdo Magnani, persone rispettabilissime sotto ogni punto di vista, i quali avevano il torto di sostenere, nel 1951, che nella polemica e nel distacco dall’Urss avesse ragione Tito. No, divennero anche i Magnacucchi, con allusione un po’ greve al magna-magna. Quattro anni dopo l’espulsione di due deputati dalla Dc – Ugo Bartesaghi e Mario Melloni divenuto poi famoso come Fortebraccio – perché chiedevano di rinviare di tre mesi l’accordo Nato che consentiva il riarmo della Germania Federale, assunse i toni di una demonizzazione.

    Oggi ovviamente i colori sono meno accesi. Però i dissenzienti sono visti alla fine come i soliti rompiscatole: succede così a quei 18 senatori, guidati da Vannino Chiti, che dissentono dalle “riforme” renziane del Senato e della legge elettorale, contrapponendo un loro progetto fra l’altro molto più incisivo anche sul piano del risparmio di spesa: dimezzare sia senatori che deputati, differenziare le funzioni delle due Camere, mantenere elettivo il Senato, ridare agli elettori l’arma delle preferenze (benissimo usate le tre avute assegnate alle recenti europee).

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La politica occidentale in Ucraina è un errore, dicono esperti tedeschi

    di G. Tuscin

    "È ormai tempo per l'Europa di definire su nuove basi le proprie relazioni con gli Usa, alla luce dei propri interessi, della pace e della stabilità economica in Europa, così come di considerazioni geopolitiche". È questo l'esordio di un importante articolo che sta suscitando grande attenzione fra gli specialisti di politica estera tedesca. Per la prima volta su di un giornale, di grande rilevanza internazionale oltreché nazionale, come Die Zeit (edizione on line) un esperto di politica estera, Chris Luenen, sia pure "prestato" ad un prestigioso think tank britannico, il Global Policy Institute di Londra, esprime un parere assolutamente controcorrente rispetto all'orientamento prevalente della Ue e della Nato.
    L'affermazione centrale dell'articolo è in sostanza che "L'Europa non dovrebbe rinunciare alla cooperazione con Mosca, che dovrebbe anzi essere potenziata". Allo stesso tempo, la Ue dovrebbe intensificare le sue relazioni con Washington, mentre sviluppa "una visione propria" con maggiore determinazione. L'obiettivo dovrebbe essere una nuova e più promettente strategia trans-atlantica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

La guardia di finanza calcola che l'evasione da esportazione illecita di capitali equivale al 29% del totale dell'evasione del paese. Quindi, ogni anno da 50 a 70 miliardi di euro sotratti allo Stato, volano verso la generic cialis us pharmacy Svizzera, il Lussemburgo, paradiso fiscale governato per venti anni dal neo-presidente della Commissione Europea, e verso altri paradisi fiscali. Il governo non se ne occupa e discount cialis without prescription tace e così fanno in Parlamento maggioranza e opposizione. Tutti zitti perchè gli evasori votano, sono circa 15 milioni e nessuno vuole rinunciare ai loro voti. Ma qui stiamo parlando dei grandi evasori annidati nell'economia sommersa e criminale, pari a 600 miliardi di PIL, che non sono certo milioni.

 

 

 

Il numero di Panorama in edicola apre con un generic viagra overnight shipping articolo di Laura Maragnani sulla parcella di 2,5 milioni di euro che l'avvocato Scicchitano ha presentato all'Italia dei Valori. Il titolo si commenta da solo:” Una fattura che affossa l'IDV”. Ma non è stato questo l'argomento che ha richiamato la mia attenzione, anche se indirettamente mi riguarda. Sono stato attratto dalla copertina con Renzi trasformato in vampiro che succhia il sangue degli italiani con una ulteriore aumento delle tasse che il settimanale Mondadori dà per certo a partire da Settembre e dai servizi, a cominciare dall'editoriale del direttore Giogio Mulè, che è davvero impietoso nei riguardi del capo del governo e hyosilver.com dell'intera compagine, trattata da improvvisatori, incompetenti, parolai e bugiardi. Il giornale pubblica un servizio su Cottarelli, definito molto competente e costretto a ritornare al Fondo Monetario Internazionale da dove era venuto per tagliare la spesa improduttiva e clientelare, dal momento che il premier ha deciso di buttare nel cestino il lavoro fatto dal tecnico. E poi, due pagine dedicate a “ Tutti i figli di mamma Leopolda”, una mappa davvero impressionante degli amici e sodali del Presidente del consiglio, alcuni del tutto sconosciuti, portati a Roma, per lo più dalla Toscana e già nominati ministri, sottosegretari, dirigenti di grandi enti pubblici e di dipartimenti importantissimi della pubblica amministrazione o ad essi destinati. Con una operazione che non ha precedenti nella storia repubblicana, nemmeno con i governi a larga maggioranza democristiana, Renzi ha lottizzato tutti gli incarichi e purchase female viagra ha chiamato i sui fedelissimi, spesso non sufficientemente competenti, a ricoprirli.

Dopo il marciume dell'EXPO, neanche il tempo di elaborare il lutto del paese in mutande, ecco lo tsunami di Venezia. Tutto il ceto politico, quello arrestato e quello indagato, ma anche quello che ha taciuto o ha girato la testa dall'altra parte, c'è dentro fino al collo. La verità è che i partiti non arrivano mai prima della magistratura e non perchè non sanno, ma perchè non vogliono. E' tipico dei partiti del nostro tempo. Nella prima repubblica c'era la partitocrazia con i partiti. Ora scorazza la partitocrazia senza partiti. E quando arrivano le manette ascoltiamo espressioni di meraviglia: Orsoni, una persona tanto per bene, ma chi l'avrebbe mai detto! Galan , si è vero un po' disinvolto, ma tutto sommato uno che ha saputo governare!. Gli organi di garanzia nei partiti non esistono. Nessuno ha la curiosità di conoscere le spese elettorali effettive dei candidati; le assunzioni con lauti stipendi dei familiari e degli amici; gli acquisti di case di lusso e le ristrutturazioni milionarie; i tenori di vita che nessuna indennità di carica potrebbe giustificare. Nessuno. Tutti tacciono; l'omertà e i ricatti la www.freie-gesundheitsberufe.de fanno da padroni. Questo sono diventati i partiti oggi.
 L'informazione televisiva ha dato la notizia quasi fosse un fatto di ordinaria amministrazione. Oggi c'è sciopero dei giornali più importanti. IL Fatto l'ha commentata con il titolo che merita: il PIL da prodotto interno lordo diventa prodotto interno “lercio”. Domani vediamo cosa diranno gli altri giornali.
Brevemente: l'Eurostat, istituto di statistica dell'Unione Europea, ha comunicato che i paesi dell'Unione dal 2014 devono includere nel PIL i proventi del traffico di droga, del contrabbando  e della prostituzione. Cioè,tutto ciò che compone  l'economia illegale e criminale. L'economia mafiosa. Le conseguenze di cui nessuno sembra preoccuparsi sono tre:
Legittimazione della mafia che diventa soggetto riconosciuto di cittadinanza e levitra daily di partecipazione alla vita del paese con conseguente rivendicazione del merito da parte dei mafiosi condannati a molti anni di galera i quali  non hanno più nulla da perdere;
Istigazione a delinquere per aumentare il PIL;
Maggiori versamenti del nostro paese all'Unione Europea, dal momento che i contributi sono calcolati in base alla quantità di PIL prodotto.

Politici e Amministratori Responsabili e Complici. Informazione smemorata: come sono state affossate la Commissione speciale anticorruzione e tutte le proposte di legge

Il dr Cantone, neo nominato presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, ha ricevuto l'incarico dal Presidente del Consiglio di occuparsi anche dell'Expo e ha giustamente chiesto una decisione formale accompagnata da poteri concreti.

Chi volesse saperne di più per capire le enormi responsabilità politiche e istituzionali delle classi dirigenti degli ultimi 20 anni e come la corruzione della tangente sia diventata sistema di governo, può trovare su Internet le vicende della Commissione Speciale Anticorruzione, nominata dalla Camera dei deputati il 26-9-1996, con il compito di scrivere proposte di legge riguardanti tutti gli aspetti della corruzione per prevenirla. Tra di esse, la istituzione di una Autorità Nazionale Anticorruzione con compiti di prevenzione. Ebbene, quella Commissione, di cui ho fatto parte, ha predisposto ben 10 proposte di legge, tutte buttate nel cestino dei rifiuti, nonostante il contributo spesso unanime, raggiunto con una paziente opera di mediazione, dei membri della Commissione.  

Renzi e Grillo- Evasione fiscale: questa sconosciuta

Renzi, perchè non parli di evasione fiscale? E' il titolo dell'articolo settimanale del direttore dell'Espresso, Bruno Manfellotto. Renzi su Twitter a un giovane che gli faceva notare come nel suo programma “ non ci sia traccia di lotta all'evasione” ha risposto:” Vedrai, vedrai sull'evasione”. Nel documento di economia e viagra fed ex finanza( DEF) approvato dal consiglio dei ministri il “ vedrai,vedrai” è sintetizzato così:” sarà necessario rafforzare l'attività conoscitiva e di controllo delle agenzie fiscali attraverso l'uso prioritario dei sistemi informatici con interconnessioni fra tutte le banche dati esistenti”. Evviva! La tecnologia risolverà i problemi che la politica non ha mai voluto risolvere non perchè non fosse capace di connettere le banche dati, ma per ragioni biecamente elettorali e di potere. Nessun leader vuole parlare e, soprattutto, intervenire sulla montagna di evasione fiscale del paese che sottrae alle casse dello stato circa 200 miliardi di euro all'anno ,mettendo a rischio tutti i servizi essenziali: Sanità, Pensioni, Scuola, Ricerca, Università ecc, per non perdere il voto di circa 11 milioni di evasori, grandi e piccoli. E quelli che ci hanno provato, come Prodi e Monti, sono stati mandati a casa. Attendiamo pazientemente che i server e i computer facciano il miracolo. Intanto ricordiamo al Presidente del Consiglio fatti e numeri e cialis india pharmacy suggeriamo di intervenire subito perchè, se volesse farlo, potrebbe portare a casa una barca di soldi, necessari a realizzare il suo programma.

Renzi ha fornito i numeri dei soldi che il governo metterà a disposizione entro luglio di quest'anno per le riforme e per pagare i debiti.

Ricapitoliamo: 68 miliardi per il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione nei confronti delle imprese, che vengono così saldati. Il debito, garantito dallo Stato in prima battuta viene ceduto alle banche che mettono a disposizione delle amministrazioni debitrici i soldi e pagano le aziende. Se le amministrazioni a loro volta non saldano il debito interviene la Cassa depositi e prestiti. Non si capisce se le banche tirano fuori 68 miliardi gratuitamente o chiedono gli interessi. Se, come probabile, chiedono gli interessi, chi li paga? Lo Stato che è il garante e quindi aumenta il debito pubblico che è già aumentato nei primi mesi del 2014. In ogni caso, se si rispettano i parametri europei, l'operazione può funzionare, perchè le aziende con 68 miliardi in cassa sono in condizione di investire e anche di assumere. Per le grandi aziende c'è da stare attenti che non li portino all'estero. Ora, delle due l'una. O gli annunci di Renzi rimangono annunci, il presidente del consiglio si prende del “Buffone” come lui stesso ha suggerito e va a casa, o l'operazione è possibile e discount propecia propecia allora c'è da chiedersi come mai non l'ha fatta il duo Letta -Saccomanni. Per incapacità, per pressioni subite, per mancanza di controllo della situazione? Bassanini, presidente della Cassa Depositi e Prestiti, che raccoglie i risparmi degli italiani, nella trasmissione televisiva condotta dall'Annunziata, ha detto che il governo Letta di fatto è stato bloccato dalla burocrazia del ministero dell'economia. Se così fosse sarebbe gravissimo.

Che dire del governo Renzi? Età media molto bassa, capo del governo e ministre con la battuta pronta, il sorriso accattivante in una mano e il veleno per i competitori nell'altra come ha sperimentato Enrico Letta e , anche Civati, al quale hanno scippato la sindaca Maria Carmela Lanzetta, diventata ministro a sua insaputa. Diciamoci la verità: i metodi che ha usato Renzi per arrivare a palazzo Chigi ricordano tanto quelli delle signorie rinascimentali nelle quali la free sample prescription for viagra menzogna e l'omicidio dei familiari era all'ordine del giorno. L'uso del manuale Cencelli a 360 gradi tra i partiti, all'interno del PD e fra le correnti e persino fra le associazioni imprenditoriali come le cooperative rosse e la confindustria, uno a me (Poletti) e una a te (Guidi), fa impallidire le spartizioni della prima repubblica. Il risultato è davvero un governo modesto. Inadeguato alla gravità della situazione. Si potrebbe parlare di un governicchio ma non lo facciamo per non scoraggiare i giovani ministri che hanno tanto bisogno di incoraggiamento e online ordering levitra di imparare.

Anche questa volta per  l'operazione congiunta FBI-  Polizia Italiana, che ha messo in evidenza gli accordi Drangheta- Mafia americana per il traffico di cocaina, il verbo più usato è stato  “smantellata”.

Smantellare: “demolire strutture, impianti e attrezzature varie”. Così è scritto nel vocabolario Devoto -Oli. Vi pare che si possa commentare così, da almeno 50 anni, ogni operazione di polizia antimafia?  E poi qual'è la novità? Sono  una novità i rapporti internazionali della Ndrangheta e la sua capacità  di trattare direttamente con i paesi produttori, a cominciare dalla Colombia? La capacità di pagare le partite in coca in contanti, a 20-22mila euro al chilo? O sono forse una novità le rotte africane e il porto di Gioia Tauro come terminale? Nessuna novità. La novità sarebbe costituita dalla impossibilità di un casato di mafia come quello dei Morabito di Africo, coinvolti anche in questa ultima operazione, di  potere pagare in contanti. Ma così non è. Allora,  per favore,  non presentiamo come novità e risultati straordinari quelli che non lo sono. Negli anni 90-2000 Salvatore Morabito affittava i più bei locali dell'ortomercato di Milano, vi arrivava in Ferrari nell'indifferenza  o nell'invidia generale, apriva un locale notturno For a King”, accanto alle cipolle e ai ravanelli e il suo socio in affari, Antonio Paolo, teneva i rapporti con la Milano bene e della finanza. IL Corriere della sera dell'11 Febbraio, ci fa sapere che con sentenza definitiva, dopo una inchiesta giudiziaria durata almeno 10 anni, una funzionaria molto importante della banca Unicredito, la dottoressa Elisabetta Ribatti, è stata condannata a due anni e otto mesi per i finanziamenti della banca, nella quale lavorava, al socio dei  Morabito. Denaro  che veniva così riciclato e best deal for propecia serviva alla cosca per il traffico di cocaina, mascherato dal commercio delle carote, nel cuore di Milano.  A conti fatti,   Antonio Paolo, il quale rispondeva al fattorino in Ferrari, ha   fatturato e movimentato fidi per 10 milioni di euro. La signora Ribatti autorizzava i prestiti  apponendo il suo sigillo “Kotk” dietro ogni assegno. In Lombardia adesso è peggio. Eppure i capi cosca sono tutti in galera. Ma quel  che conta sono i soldi. E loro, i soldi li hanno e li riciclano persino facendoseli prestare dalle banche.

La storia è raccontata in Mafia Pulita- Veltri e Laudati- Longanesi- 2009

Il primo dicembre 2013, commentando la notizia del Corriere della Sera riguardante 5000 dipendenti pubblici accusati di corruzione per avere  rubato 3 miliardi di euro allo Stato, avevo scritto :” la Corruzione imperversa”.  Di fronte a notizie come questa, che in qualsiasi altro paese europeo metterebbe in allarme tutte le Istituzioni, l'Italia non fa nemmeno una piega.

Ora è l'Europa che ci fa a pezzi con il primo rapporto sulla corruzione nei paesi dell'Unione.

1)In Europa la corruzione vale 120 miliardi di euro, dei quali  60 miliardi, pari al 4% del Pil è il valore della corruzione italiana;

2) A parere di Bruxelles la nuova legge ( 190 del 2012) lascia irrisolti problemi quali la disciplina della prescrizione,la legge sul falso in bilancio, l'autoriciclaggio. Sono cose che ho scritto e detto mille volte, ma inutile;

3)Secondo il rapporto, per il 97% degli italiani la corruzione nel nostro paese è diffusa;

Come si vede, la situazione dell'Italia è drammatica. Anche perchè, a mio parere, il valore di 60 miliardi, pari al costo  della bolletta elettrica,  è sottostimato. Infatti, alla corruzione tradizionale, politica, amministrativa e imprenditoriale, si aggiunge quella mafiosa. Inoltre, i 5 mila dipendenti pubblici accusati di corruzione, in Italia rimarranno al loro posto

Sulle  colpe della politica la Commissione Ue non è tenera : "In Italia i legami tra politici, criminalità organizzata e imprese, e lo scarso livello di integrità dei titolari di cariche elettive e just try! di governo sono tra gli aspetti più preoccupanti, come testimonia l'alto numero di indagini per corruzione".

 

Pagina 1 di 9