Chi e' online

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online

Blog

  • Ogni Epoca ha il suo fascismo: il nostro è in camicia bianca

    Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e where to buy cheap abilify online il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la levitra pharmacy purchase propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Senza lucidità, razionalità, rigore non c'é sinistra

    Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e www.utahheritagefoundation.com chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di viagra online without prescription uk crescere e svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Una minoranza al governo

    Due interventi sulla futura legge elettorale per dimostrare che il Pd è più liberista di Berlusconi.
    Berlusconi: "Il nuovo sistema deve portare a una maggioranza che rappresenti effettivamente la maggioranza degli elettori mentre il sistema maggioritario come è stato concepito porta alla possibilità che una minoranza possa governare contro la maggioranza degli elettori. Il che mi sembra non sia democrazia". Dunque per Berlusconi la democrazia è il governo della maggioranza (il Fatto Quotidiano definisce questo "il suo chiodo fisso", non sapendo di fargli un complimento).
    Risponde Richetti (ex Margherita, renziano della prima ora): "L'importante è che l'impostazione conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da 'proporzionale' e restituzione di un drumtidam.info risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini". Per Richetti e Renzi la democrazia è meno importante della governabilità e in nome dell'efficienza e buy celebrex uk del decisionismo una minoranza incapace di ottenere un ampio consenso deve lo stesso ottenere il controllo assoluto del paese.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Le cause del degrado in via generic levitra from china d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da cost of generic levitra gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e già privati di canada super viagra assistenza sociale e di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e viagra soft tablets adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la virginiaventurefund.com pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Il senso profondo della vittoria referendaria

    Nelle nebbie del politicismo e cialis no prescription needed quick delivery delle strumentalizzazioni della crisi di governo rischia, dal punto di vista dell’immagine complessiva, di smarrirsi il senso profondo della vittoria referendaria. E’ bene ricordarlo: premesso che lo strumento referendario nell’occasione è stato messo in moto dallo stesso Governo alla ricerca di una legittimazione popolare mai avuta e che le stesse riforme costituzionali erano state promosse dall’Esecutivo. Un passaggio che ha di fatto identificato la riforma con il Governo: una vera pericolosa anomalia istituzionale. 

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • La milano dove ha vinto il sì.

    La Milano dove ha vinto il sì.

    Milano non è solo la più grande città del Paese per ricchezza prodotta. È anche la città più sensibile d’Italia ai discorsi sulla governabilità, sull’equilibrio, sulla stabilità, in nome dei daneé da conservare, dei soldi da moltiplicare, del potere da accrescere.

    A Milano si è affermato un banchiere che si chiamava Michele Sindona, che insegnava ai milanesi come non pagare le tasse (e, già che c’era, riciclava i soldi di Cosa nostra). A Milano è nato il craxismo, poi il bossismo, poi il berlusconismo. A Milano, proprio nel centro, collegio 1, veniva eletto il senatore Marcello Dell’Utri, ora in carcere per i suoi rapporti con la mafia.

    I suoi elettori si sono ora convertiti alla “governabilità” di Renzi e al sostegno del sì. Felici del passo avanti. Ma il Pd, invece di gioire acriticamente considerando Milano “all’avanguardia nell’innovazione politica”, forse farebbe bene a interrogarsi perché, in tutta questa modernità, ha conquistato il centro ma ha perso le periferie e i giovani.

     

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase
Vota questo articolo
(0 Voti)

L' Italia è davvero uno strano paese. Da una parte ci sono istituzioni che non funzionano o esistono soltanto sulla carta ma non nella realtà e mancano molto agli italiani quando la cialis soft tabs quick delivery loro presenza sarebbe importante o addirittura necessaria. E questi pensieri vengono in mente quando, per esempio oggi a Palermo, in via d'Amelio, luogo della strage in cui, 25 anni fa, vennero uccisi Paolo Borsellino con le donne e gli uomini che formavano la sua scorta da Cosa Nostra- si presenta in piazza Maqueda presso l'omonima libreria un libro edito da Feltrinelli che si intitola "L'agenda ritrovata" e raccoglie alcuni racconti su quel che accadde venticinque anni fa e su quello che lo stesso Borsellino raccolse nei giorni che passarono tra l'assassinio a Capaci di Giovanni Falcone e quello dello stesso Borsellino due mesi dopo. A un quarto di secolo dal 19 luglio 1992 sono quattro i processi celebrati per far luce sull'assassinio del magistrato palermitano e levitra 100 dei cinque membri, donne e uomini, della sua scorta. Eppure ancora oggi restano molti interrogativi che non hanno mai ricevuto una risposta: dalle modalità del depistaggio a chi lo ha condotto, al motivo per cui le indagini sono state depistate. E poi la scomparsa dell'agenda rossa di Borsellino, l'ipotesi sul coinvolgimento di soggetti esterni a Cosa Nostra, l'accelerazione del progetto di morte perseguito 57 giorni dopo l'uccisione di Falcone. I nomi degli agenti di scorta vanno ricordati e sono quelli di Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

Vota questo articolo
(0 Voti)

La Turchia ha appena arrestato Özlem, un'attivista del team di Avaaz. Dobbiamo liberarla.
In questo momento è in carcere senza neppure un'accusa precisa, solo per aver partecipato a un incontro sui diritti umani.
Per il governo turco, è solo l'ennesima persona arrestata nell'ennesima retata contro la società civile.
Ma se facciamo conoscere il suo nome e la sua storia con una petizione e sui media internazionali, Özlem diventerà un problema difficile da gestire per il presidente turco Erdoğan, già sotto pressione.
La nostra campagna sarà consegnata direttamente a Federica Mogherini, la Commissaria agli Affari Esteri dell'UE alla vigilia di un incontro cruciale con la Turchia della prossima settimana -- firma subito, liberiamo Özlem:
Clicca per la liberazione di Özlem!
Il governo turco sta arrestando e licenziando migliaia di persone che non lo sostengono. Ora anche Özlem è finita nella rete assieme ad altri 9 attivisti per i diritti umani. L'incontro della Turchia con l'Europa della prossima settimana è cruciale per gli accordi commerciali del paese e l'ultima cosa che Erdoğan vuole è una crisi internazionale per una prigioniera di cui probabilmente non ha mai neppure sentito parlare.
Ma per noi lei significa tantissimo. Lavora con Avaaz perché condivide i nostri valori. E da anni con tutte le sue forze si batte per un mondo in cui le persone siano libere di riunirsi e manifestare per la pace, la giustizia e generic cialis mexico i diritti umani senza finire in prigione. Ha permesso ai membri di Avaaz in Turchia di partecipare a centinaia delle nostre campagne.

Vota questo articolo
(0 Voti)

La politica non può essere concepita soltanto come eterno scambio come è stata intesa, ad esempio, dal governo italiano allorquando con l'UE (oggi tanto vituperata) è stata barattata "l'esclusiva" italiana sugli sbarchi dei profughi nel Mediterraneo (governo Renzi 2014, missione Triton) per ottenere in cambio flessibilità sul deficit e sul debito pubblico nei successivi due anni.
Adesso l'autore del pasticcio (sempre tal Matteo Renzi), sull'onda dei sondaggi, scopre addirittura il " aiutiamoli a casa loro", antico copyright leghista, e denuncia il fiscal compact allineandosi, anche in questo caso, alla Lega Nord che fu l'unico partito a votare contro il provvedimento in Parlamento.
Siamo di fronte all'ennesimo esempio di instabilità nell'affermazione di proposizioni politiche che deriva, prima di tutta, dalla concezione esaustiva dell'acquisizione del potere e dalla totale assenza, nel sistema politico italiano, di una riflessione aggiornata sul tema del rapporto tra teoria e prassi.
Si pensi a personaggi del genere alle prese con decisioni fondamentali nella storia del nostro Paese come quelle, ad esempio, che segnarono l'avvio della Resistenza e la lotta clandestina contro il nazifascismo: decisioni assunte da order cialis on internet persone che magari avevano passato decenni nelle carceri o in esilio.
La questione è comunque quella del retroterra culturale dell'agire politico.
Esaminiamo allora alcuni passaggi a questo proposito.
La profonda trasformazione avvenuta all'interno dei soggetti politici organizzati, sia dal punto di vista strutturale, sia sotto l'aspetto degli obiettivi dell' "agire politico" e il mutato rapporto con i movimenti sociali, propositivi di una sorta di "autorganizzazione" della rappresentanza delle nuove contraddizioni, ha lasciato un levitra on line vuoto nella riflessione politica.

Ultima modifica il Domenica, 23 Luglio 2017 09:58
Domenica, 09 Luglio 2017 08:35

Villaggio non ci ha assolti.

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Solo il genio di Paolo Villaggio poteva tirar fuori le vicende tragicomiche del ragionier Fantozzi raccontando l'Italia degli impiegati di quarto livello con il posto fisso, l'Italia che ormai non c'è più. L'Italia di Fantozzi, durata un quarto di secolo, era un'Italia che per otto ore abitava il pianeta ufficio subendone le regole e scarificandosi ai suoi riti, dalla partita "scapoli contro ammogliati" ai cineforum impegnati) e ci sarà un motivo se l'urlo liberatorio di Fantozzi: "la corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca" ha riscosso nel film novantadue minuti di applausi). In fondo la mega-ditta fantozziana che, nella realtà, era la sede della regione Lazio su wow it's great via Cristoforo Colombo, offerta come set a Luciano Salce e buy levitra tablets without prescription a Paolo Villaggio -era il teatro caricaturale della vita quotidiana dell'italiano medio che, ridendo delle comiche disavventure dell'Italiano medio di quel ragioniere con la Bianchina, il basco e la figlia brutta rivedeva un pò sé stesso tra i vapori della mensa aziendale ,tra le gaffe alla cerimonia dei regali di Natale o sotto lo sguardo paralizzante del duca conte Maria Rita Vittorio Balabam e con quella risata esorcizzava il Fantozzi che era in lui.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di crescere e svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

Venerdì, 07 Luglio 2017 18:06

Soldi rubati. Parte II

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cesare Beccaria, nel suo capolavoro "Dei delitti e delle pene", che ha influenzato la cultura giuridica e civile dell'Europa più di qualsiasi altro libro, scrive: "l'unica e vera misura dei delitti è il danno fatto alla nazione".

Nei Panama Papers è comparsa la cheapest generic price viagra terza lista di italiani con società nei paradisi fiscali: dopo la lista Falciani e quella della banca svizzera Credit Suisse, sede di Milano, è la volta dello studio legale Ramon Fonseca e buy female cialis Jurgen Mossak di Panama. Complessivamente, per quanto è emerso dalle inchieste dell'International Consortium of Investigative Journalists di cui fa parte L'Espresso, unico giornale italiano, si tratta di oltre 25 mila italiani che hanno imboscato circa 30 miliardi di Euro nei paradisi fiscali per non pagare le tasse. Una mega finanziaria. E poi dicono che non ci sono soldi! La ricchezza individuale nascosta nei paradisi fiscali viene stimata 7600 miliardi di dollari. Più del PIL di Germania e Regno Unito messi insieme e quattro volte il PIL italiano. Soldi sottratti al fisco, necessari per gli investimenti a sostegno dello sviluppo, contenere il debito pubblico, garantire i servizi essenziali che di fatto si stanno privatizzando senza dirlo (quando per eseguire una mammografia o una colonscopia occorre aspettare un anno, la gente o rinuncia e non si cura o fa qualsiasi sacrificio e va dal privato che esegue gli esami in tempi brevi e magari lavora anche nell'ospedale pubblico dove le liste di attesa sono lunghissime). I magistrati penali si attivano e dopo 10-15 anni qualcuno dei pirati esportatori di capitali viene condannato.

Ultima modifica il Domenica, 09 Luglio 2017 08:35
Vota questo articolo
(0 Voti)

la CGIL ha indetto per il 17 giugno 2017 una MANIFESTAZIONE NAZIONALE STRAORDINARIA.
Straordinaria perché urgente, straordinaria perché parla soprattutto di democrazia, straordinaria perché contesta comportamenti antidemocratici che non hanno precedenti nella storia repubblicana.
I fatti:
dopo una consultazione straordinaria delle iscritte e generic viagra for sale degli iscritti, la CGIL presenta una proposta di legge CARTA DEI DIRITTI UNIVERSALI DEL LAVORO e tre quesiti referendari a sostegno (art. 18, voucher, responsabilità solidale negli appalti).
 Sulla Carta e sui quesiti referendari la CGIL raccoglie 4,5 milioni di firme.
 La Corte Costituzionale accoglie 2 referendum ed il Governo fissa la data del referendum per il 28 maggio 2017, mentre alla Camera dei Deputati in Commissione Lavoro viene messa in discussione la proposta di legge.
 Il 21 aprile il Parlamento converte in legge un decreto del Governo che abroga le leggi sottoposte a referendum popolare. Il Presidente del Consiglio motiva la decisione con la necessità di non dividere il Paese.
 Di conseguenza decadono i referendum, che - ricordiamolo sempre - sono l'unica forma di democrazia diretta, prevista dalla Costituzione per far valere l'opinione dei cittadini sulle leggi del nostro Paese.
 Il 27 maggio, il giorno prima della data originariamente fissata per il referendum, alla Camera, in Commissione Bilancio si reintroducono i voucher.
Ho riepilogato i fatti perché rendono evidente che il Governo e il Parlamento non hanno abrogato i voucher ma i referendum, ovvero il diritto dei cittadini di esprimersi.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Associazione Ex Parlamentari
Presentazione libro di Elio Veltri "Non è un paese per onesti"
Mercoledì 21 Giugno ore 16-19 - CAMERA DEI DEPUTATI
Palazzo San Macuto, via del Seminario 76 - Roma


Oltre all'autore partecipano: Carlo Rossella, Vittorio Emiliani, Franco La Torre, Rodolfo Scarponi - Conduce Davide Gramiccioli direttore Radio Colors
Gli uomini devono indossare la giacca - coloro che vogliono partecipare devono preventivamente comunicarlo per gli adempimenti di protocollo e per ragionni di sicurezza alla seguente mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
I diritti d'autore sono interamente devoluti alle associazioni: Emergency e Medici senza frontiere. Il libro è il racconto documentato di ciò che è stato realizzato a Pavia negli anni '70 durante dalla Giunta Veltri. La città in quegli anni era diventata un punto di riferimento internazionale: il Piano Regolatore ha rappresentato l'Italia all'assemblea sull'Habitat convocata dal'ONU a Vancouver nel 1976 alla quale hanno partecipato 140 paesi. Il sindaco fu invitato a 12 Convegni internazionali di cui 2 dell'Onu e uno della presidenza della Repubblica Francese. In quegli anni e nel corso della successiva esperienza di consigliere regionale della Lombardia insieme ad Emilio Molinari sono stati denunciati scandali giganteshi. Nel periodo del mandato alla Camera, durante la generic cialis safety XIII legislatura, è stata presentata la prima proposta di legge sull'Istituzione dell'Autorità Nazionale Anticorruzione con annessa anagrafe patrimoniale, realizzata dopo 20 anni ma con scarsi poteri. I risultati sul fronte della corruzione ad oggi sono purtroppo evidenti (costo per il paese 100 miliardi anno).

Vota questo articolo
(0 Voti)

E' da un pò di tempo che i mercati stanno dando un online pharmacy viagra cialis segnale preoccupante che i governanti fanno finta di non avvertire. La ripresa dello spread sui titoli di stato in euro. Quando Mario Draghi favorisce politiche monetarie espansive sperando in una ripresa dell'inflazione a livelli dell'uno/due per cento, in effetti non fa altro che promuovere una ripresa del mercato dal lato monetario. Questo però ha effetti non solo sull'economia ma anche sulla ripresa del mercato finanziario e buy viagra germany quindi sull'andamento dei tassi. Per i paesi con i conti in ordine avrà effetti positivi sulla loro economia ma non per i paesi come l'Italia con i conti in rosso. I paesi dell'euro-zona indebitati saranno penalizzati. Fra questi c'è l'Italia che non ha utilizzato la politica del quantitative easing per mettere in sicurezza il debito pubblico ma l'ha incredibilmente aumentarlo con regalie varie di renziana memoria, bonus ed altre dispersioni varie a pioggia, che non hanno aiutato certo l'economia. Le iniezioni dal lato del consumo per favorire la ripresa economica, in libero mercato, anzi in mercato globalizzato, non hanno gli stessi effetti che si sarebbero riverberati in un mercato chiuso e quindi non assicura l'aumento della domanda interna almeno per l'intero. Meglio sarebbero stati iniezioni sul lato investimenti, di Keynesiana memoria, i quali avrebbero dato risultati sul lungo periodo migliorando le infrastrutture e la competitività del paese.

Ultima modifica il Giovedì, 15 Giugno 2017 08:14
Pagina 1 di 65