Login

Chi e' online

Abbiamo 215 visitatori e nessun utente online

Blog

  • Dei problemi dei popoli devono occuparsene esclusivamente gli stati. 

    Non ho niente contro Medici senza frontiere. Ma non ho niente neanche a favore. Sono una multinazionale privata e a me non piacciono le multinazionali (sono contro la globalizzazione) e non mi piacciono le grandi imprese private (sono un socialista). Per motivi analoghi da giovane guardavo con sospetto alla Caritas e all'Opus Dei, per non parlare dell'Esercito della salvezza; e non ho cambiato idea. Resto convinto che dei problemi dei popoli debbano occuparsi esclusivamente gli Stati e che la carità, se non in momenti di assoluta emergenza, sia solo un espediente per prevenire rivolte o lotte sociali che porterebbero a più profonde riforme e che potrebbero porre un freno all'oscena ineguaglianza economica e al culto del successo e dei consumi che stanno strangolando il pianeta.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • I cittadini non vogliono l'immigrazione

    Chissà come mai alla sinistra italiana, ormai in caduta libera e prossima all'irrilevanza, non viene mai il sospetto che la ragione per cui tutti i partiti di massa stanno cercando, proprio tutti, di fermare, almeno a parole, l'immigrazione illegale e incontrollata, non dipenda dalla loro malvagità o, peggio, fascistizzazione bensì dal semplice fatto che tanti cittadini non la vogliono. Che la gente ordinaria, a ragione o a torto, è spaventata dall'irruzione di centinaia di migliaia di miserabili che neppure hanno la possibilità, la capacità o l'intenzione di integrarsi; e soprattutto non accetta l'idea che possa continuare indefinitamente. Anche Trump, per provare a risollevarsi dopo le recenti sconfitte provocate dalla sua stupidità, sta giocando la carta del blocco dell'immigrazione: e stiamo parlando dell'immigrazione legale in un paese molto meno popolato del nostro e con un'economia decisamente più forte. Populismo? Certo, ma dietro ogni populismo c'è un popolo e se la destra può limitarsi a manipolarlo la sinistra deve anche capirlo.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Ogni Epoca ha il suo fascismo: il nostro è in camicia bianca

    Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà. La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l'attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d'altri tempi, decontestualizzato e pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Senza lucidità, razionalità, rigore non c'é sinistra

    Non sono un leghista e detesto Renzi fin da prima che diventasse potente; ma proprio non vedo cosa ci sia di sbagliato nel proporre che i popoli vengano aiutati nei loro paesi invece che incoraggiati a emigrare in occidente. Naturalmente si può mettere in dubbio la sincerità di Salvini e del Pd o discutere delle modalità di assistenza; si deve, anzi, denunciarne l'insufficienza e chiedere che siano accompagnate da drastiche limitazioni delle ingerenze militari, commerciali e culturali (turismo incluso) in altre regioni del mondo, in altre parole la fine della globalizzazione. Ma in sé l'idea di permettere ai popoli di crescere e svilupparsi (o non crescere e non svilupparsi) in autonomia, a modo loro, è giusta. Il motivo per cui non piace a media e intellettuali è che è contraria agli interessi delle multinazionali che li pagano e che alimentano il consumismo estremo di cui ormai molti non sanno fare a meno.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Una minoranza al governo

    Due interventi sulla futura legge elettorale per dimostrare che il Pd è più liberista di Berlusconi.
    Berlusconi: "Il nuovo sistema deve portare a una maggioranza che rappresenti effettivamente la maggioranza degli elettori mentre il sistema maggioritario come è stato concepito porta alla possibilità che una minoranza possa governare contro la maggioranza degli elettori. Il che mi sembra non sia democrazia". Dunque per Berlusconi la democrazia è il governo della maggioranza (il Fatto Quotidiano definisce questo "il suo chiodo fisso", non sapendo di fargli un complimento).
    Risponde Richetti (ex Margherita, renziano della prima ora): "L'importante è che l'impostazione conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da 'proporzionale' e restituzione di un risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini". Per Richetti e Renzi la democrazia è meno importante della governabilità e in nome dell'efficienza e del decisionismo una minoranza incapace di ottenere un ampio consenso deve lo stesso ottenere il controllo assoluto del paese.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Le cause del degrado in via d'importazione in Italia

    Il congresso repubblicano, sicuro dell'appoggio di Trump, ha appena cancellato una legge passata nel 2012 dopo che un ventenne squilibrato uccise venti bambini e altre sei persone in una scuola elementare. La legge si limitava a imporre controlli al momento della vendita delle armi in modo da non farle andare in mano a persone afflitte da gravi problemi psichiatrici. Ma alla lobby delle armi questo non andava bene e neppure alla destra liberista, che ai suoi sostenitori, lasciati alla mercè delle multinazionali e già privati di assistenza sociale e di solidarietà umana, deve almeno offrire il senso di potenza che danno le pistole e i fucili a ripetizione.
    Perché lo racconto? Non per farvi sentire molto migliori di questi americani (una minoranza ma decisa e organizzata): troppo facile. E neppure per mostrare dove ci sta facendo precipitare Trump: a voi che non vivete qui, giustamente, che ve ne frega? Lo racconto perché le cause di questo degrado sono due ed entrambe in via d'importazione in Italia, inizialmente da Berlusconi fra molte resistenze e adesso senza alcuna opposizione dal Pd renziano. Eccole:

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Tertium non datur

    Come mai Renzi e la sua banda possono continuare a sentirsi i padroni non solo del Pd ma anche dell'Italia? Come mai, malgrado la pesante sconfitta, possono continuare a fare quello che vogliono? Per una sola ragione: che una significativa parte della sinistra, inclusa quella radicale, si è fatta convincere dagli stessi media di cui quotidianamente sperimenta e denuncia la parzialità, che un successo del M5S sarebbe un salto nel buio. Bevendosi ingenuamente, o più spesso in malafede, assurdi paralleli con il fascismo e con il nazismo o anche il trumpismo, tutti e tre fenomeni apertamente reazionari, nel senso che non nascondevano affatto i loro intenti, anzi li ostentavano perché era quello che la gente voleva sentire. Il M5S non ha nulla a che vedere con il fascismo, né a livello di pratiche politiche né di retorica – certamente meno del Pd, reduce dal fallito colpo di stato soft dell’Italicum e della riforma costituzionale e già pronto a riprovarci.

    Commenta per primo! Leggi tutto...
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase
Lunedì, 12 Dicembre 2011 00:00

Le scorte

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le scorte ce l’hanno tutti. Dovrebbero proteggere dalla criminalità organizzata e dal terrorismo, ma di molti di coloro che ne usufruiscono, magari con due o tre macchine a disposizione, criminali e terroristi, neanche se li pagassero, si accorgerebbero. Non si capisce perchè dovrebbero temere se in vita loro non solo non hanno mai detto niente contro la criminalità, ma alcuni ci hanno convissuto e magari li hanno anche difesi in tribunale.Le scorte, ancora di più degli aerei di Stato che nessuno vede, creano pathos, sono il simbolo di un impegno e di una lotta che non ci sono mai stati, ma è sufficiente che le telecamere filmino e la gente ci crede, convincono gli stessi scortati che ne hanno bisogno perchè in un tempo lontano si sono battuti contro il male assoluto.

Ultima modifica il Lunedì, 05 Marzo 2012 22:14
Vota questo articolo
(0 Voti)

Angela Casella, mamma di Cesare, non è più. A soli 65 anni è andata via portando con sè quel grande coraggio e quella grande dignità di una mamma che ha fatto di tutto per suo figlio. Era il 18 gennaio 1988 quando a Pavia, venne rapito dall'anonima sequestri della 'ndrangheta il giovane Cesare, appena diciottenne. E Cesare trascorse oltre due anni, precisamente 743 giorni in una buca sull'Aspromonte. La famiglia pagò un riscatto di un miliardo. Il 30 gennaio 1990 Cesare venne liberato. Oggi ha 42 anni. Angiolina Montagna in Casella, nota con il nome di angela Casella e poi soprannominata dalla stampa nazionale ed internazionale Mamma - coraggio 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Coscienti di rischiare un forte richiamo alla ripetitività e alla noia, ma non per questo senza esprimere quella tenacia che è necessaria per riproporre le proprie idee in un frangente così complicato e difficile quale quello che stiamo vivendo, mi è parso il caso di ricordare come l’analisi dei fatti di questi giorni dimostri, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, la complessiva inadeguatezza delle forme politiche espressa dalla sinistra italiana.

Ultima modifica il Lunedì, 20 Febbraio 2012 23:55
Giovedì, 08 Dicembre 2011 00:00

Mi sento Tradito da questo PD

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sono stato iscritto al PCI dal 1970 al 1994 (PDS), sono stato rappresentante sindacale per 20 anni circa e nel 2007 sono stato socio fondatore del partito democratico (PD). Non sono mai stato un comunista Comunale o similare ne ho mai lavorato in strutture pubbliche o private connesse al partito d’iscrizione, ho sempre lavorato in strutture private di opposto orientamento politico entrando in conflitto con l’azienda e pagando di persona, non ho mai avuto connessioni di interesse con il partito come spesso si riscontra tra gli iscritti e non ho mai avuto alcun favore dal Partito. Di tutto ciò posso dare ampia prova.

Ciò detto, riscontro che il Presidente della Repubblica ha recentemente conferito il titolo di senatore a vita all’attuale Capo del Governo instauratosi con la totale fiducia del PD, PDL e ad altri (Lega esclusa) e senza tenere conto di quella legittimità popolare derivante dalle elezioni.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nelle riunioni internazionali, quelle europee in particolare, partecipava da tempo un Presidente del Consiglio italiano che raccontava barzellette amene, era l' esperto di “cene eleganti“ e di voli aerei e ristoranti sempre pieni. Sfoggio di sorrisi, battute sempre pronte, non crisi, nessun declino, come se negli ultimi mesi i grafici di qualunque indice economico non andassero concordi verso una chiara discesa.

Veniamo alle cose serie. Il 28 Ottobre scorso si è ascoltato Silvio Berlusconi dire, nel suo intervento agli Stati Generali del Commercio con l' Estero:

Ultima modifica il Martedì, 28 Febbraio 2012 07:59
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’arroganza con la quale sono stati usati gli aerei destinati ai voli di Stato per faccende private e la moltiplicazione delle scorte diventate uno Status Simbol, ricorda, anche per l’antropologia dei personaggi, l’Alberto Sordi del “Barone del Grillo”:” Io sò io e voi non siete un cazzo”! 

Venerdì, 04 Dicembre 2009 00:00

Abbiamo già dato, paghino loro! In evidenza

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Prima della riforma del 1972/73 che corrisponde all’attuale sistema di imposizione fiscale, vigeva in Italia un sistema tributario complesso basato su imposte reali e personali.

Ultima modifica il Giovedì, 29 Marzo 2012 22:53
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel turbinare della crisi e nella fase d’avvio di questo governo che punta a razionalizzare, sul piano della tecnocrazia liberista, le soluzioni più adatte, sul piano economico e sociale, per mantenere potere e privilegi dei “poteri forti” ristabilendo, ideologicamente, vere e proprie “condizioni di classe”, la sinistra italiana è chiamata a rispondere collocandosi, sul piano dell’analisi e del livello di azione politica, all’altezza della dimensione dello scontro. 

Martedì, 29 Novembre 2011 00:00

Una nuova sfida al sistema politico

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

All’inizio degli anni’90 il sistema politico italiano subì un fortissimo processo di riallineamento sistemico, segnalato con grande evidenza dall’implosione dei grandi partiti di massa, in seguito ad una triplice sfida: sul piano internazionale con la caduta del muro di Berlino e la stipula del trattato di Maastricht che dava il via ad una nuova fase del processo europeo; dal ritorno imperioso del peso della “territorialità” espresso dalla presenza della Lega Nord; dall’azione di contrasto della corruzione politica delegato alla Magistratura (o meglio ad alcuni Pubblici Ministeri). 

Giovedì, 24 Novembre 2011 00:00

Crisi debito pubblico e proposte

di
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nelle manifestazioni che si sono svolte recentemente in molte città, soprattutto da parte di giovani disoccupati o in cerca di occupazione, di lavoratori precari o cassaintegrati, di working poors e di altre categorie sociali disagiate si fa spesso riferimento ai danni provocati dalla moneta unica e alle opportunità che si aprirebbero per l’Italia con l’uscita dall’euro. E, accanto a questa richiesta, viene spesso proposta la cancellazione del debito pubblico italiano in modo da non dover subire i costi di un pagamento sempre più elevato di un carico di interessi e di colpire le banche, che vengono ritenute la vera causa della crisi. 
Si tratta di espressioni di un comprensibile disagio sociale determinato da politiche recessive portate avanti da anni in Europa per far fronte ad una crisi originata negli Stati Uniti a seguito del comportamento irresponsabile di alcune banche, 

Ultima modifica il Martedì, 21 Febbraio 2012 00:56
Pagina 40 di 41